ARFEA

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
ARFEA - Aziende Riunite Filovie ed Autolinee
Flotta.png
Una flotta di VDL Jonckheere e Mercedes-Benz Integro in sosta ad Alessandria
StatoItalia Italia
Forma societariaSrl
Fondazione1954 a Alessandria
Sede principaleAlessandria
SettoreTrasporto
Prodottitrasporto pubblico
Dipendenti120 (2019)
Sito web

L'ARFEA (sigla di Aziende Riunite Filovie ed Autolinee) è una società a responsabilità limitata che si occupa del trasporto pubblico nelle province di Alessandria e Asti.

Settori di attività[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda opera servizi di trasporto interurbano nelle province sopracitate, con linee che arrivano anche fino a Vercelli, Milano, Torino e Sassello (SV) e gestisce il trasporto urbano ad Acqui Terme, Castellazzo Bormida, Moncalvo e Tortona. Le linee gestite dall'azienda coprono tutto il Piemonte sud-orientale (area servita in collaborazione con i vettori della Società Consortile Alessandrina Trasporti di cui è la capogruppo ed il COAS Consorzio Astigiano) e parte della Lombardia sud-occidentale (Oltrepò Pavese e Lomellina).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Un filobus Fiat 2401F Borsani Marelli dell'ARFEA in servizio sulla linea 3

L'ARFEA nacque nel 1954 ad Alessandria dall'unione della SATE (Società Anonima Trasporti Elettrici), che già svolgeva servizi di trasporto urbano filoviario (e in precedenza tranviario) e della SAA (Società Anonima Alessandrina)[1]. Nel 1962 il servizio urbano di Asti, attivato nel 1959, venne ceduto alla società Franceschini SATA[2]. Il 30 settembre 1972, con delibera del consiglio comunale di Alessandria, i servizi di trasporto urbani filoviari gestiti dall'ARFEA furono municipalizzati a far data dal 1º gennaio dell'anno successivo: la società cedette alla neocostituita ATM 11 filobus, 7 autobus, la rimessa filoviaria, le linee aeree (con relativi mezzi adibiti alla sua manutenzione) e altro materiale[3]. Nel novembre 1994, un'alluvione del Tanaro sommerse la quasi totalità degli autobus (fermi in deposito per il riposo domenicale) causando danni ingenti e costringendo l'azienda ad una radiazione prematura di alcuni di essi. Nel 2003 si aggiudicò il primo appalto per il trasporto pubblico in provincia di Pavia. Nel maggio 2007, invece, un autobus (un Mercedes-Benz Integro, di cui l'azienda attualmente possiede una trentina di unità) venne dirottato da tre malviventi, che dopo aver rapinato i passeggeri lo incendiarono una volta arrivati nei pressi di Trecate. Oggi, in seguito a diverse acquisizioni di società minori avvenute nel corso del tempo, i suoi mezzi arrivano a percorrere quasi 9.000.000 di chilometri con circa 150 autobus e 300 dipendenti.[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Storia dell'azienda. URL consultato nel dicembre 2014.
  2. ^ F. Ogliari, F. Sapi, Scintille fra i monti..., op. cit. p. 702.
  3. ^ Messina, Ricci, Gandini, op. cit., p. 60
  4. ^ Stefano Rivara, Chi è l'ARFEA, 21 ottobre 2013, in L'inchiostro fresco. URL consultato nel dicembre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Ogliari, Franco Sapi, Scintille tra i monti. Storia dei trasporti italiani vol. 8 e 9. Piemonte-Valle d'Aosta, a cura degli autori, Milano, 1968.
  • Orazio Messina, Valentino Ricci, Marco Gandini, Storia dei trasporti alessandrini, SOGED-ATM, Alessandria, 1998.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]