19-norandrosterone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Il 19-Norandrosterone, noto anche come 5α-estran-3α-ol-17-one, è un metabolita del nandrolone (19-nortestosterone) e del bolandione (19-norandrostenedione) che è formato dalla 5α-riduttasi. È nell'elenco delle sostanze proibite dall'Agenzia mondiale antidoping poiché è un metabolita rilevabile di nandrolone, uno steroide androgeno anabolizzante (AAS). Il consumo di prodotti androstendione contaminati da tracce di bolandione può anche risultare in test positivi per nandrolone.

Tracce di 19-norandrosterone possono essere naturalmente presenti nell'urina umana. Un esperimento condotto sugli atleti ha dimostrato che dopo uno sforzo intenso prolungato, la concentrazione di 19-norandrosterone può essere aumentata di un fattore variabile tra 2 e 4, ma un altro studio non è riuscito a replicare il risultato. La concentrazione aumenta anche nelle urine delle atlete durante le mestruazioni. Il consumo di parti commestibili di un maiale non castrato, contenente 19-nortestosterone, ha dimostrato di provocare l'escrezione di 19-norandrosterone nelle seguenti ore, quindi gli atleti dovrebbero evitare prudentemente i pasti composti da frattaglie di maiale nelle ore precedenti ai test antidoping. Il consumo di carne di cinghiale, fegato, reni e cuore ha anche aumentato la produzione di 19 norandrosterone.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • "THE 2007 PROHIBITED LIST INTERNATIONAL STANDARD" (PDF). The World Anti-Doping Code. World Anti-Doping Agency. Archived from the original (PDF) on 10 April 2009. Retrieved 2009-05-14.
  • Catlin DH, Leder BZ, Ahrens B, Starcevic B, Hatton CK, Green GA, Finkelstein JS (2000). "Trace contamination of over-the-counter androstenedione and positive urine test results for a nandrolone metabolite". JAMA. 284 (20): 2618–21. doi:10.1001/jama.284.20.2618. PMID 11086369. Retrieved 29 December 2008.
  • Le Bizec B, Monteau F, Gaudin I, André F (February 1999). "Evidence for the presence of endogenous 19-norandrosterone in human urine". J. Chromatogr. B. 723 (1–2): 157–72. doi:10.1016/S0378-4347(98)00541-6. PMID 10080643.
  • Schmitt N, Flament MM, Goubault C, Legros P, Grenier-Loustalot MF, Denjean A (September 2002). "Nandrolone excretion is not increased by exhaustive exercise in trained athletes". Med Sci Sports Exerc. 34 (9): 1436–9. doi:10.1097/00005768-200209000-00006. PMID 12218735. Retrieved 29 December 2008.
  • Van Eenoo P, Delbeke FT, de Jong FH, De Backer P (October 2001). "Endogenous origin of norandrosterone in female urine: indirect evidence for the production of 19-norsteroids as by-products in the conversion from androgen to estrogen". J. Steroid Biochem. Mol. Biol. 78 (4): 351–7. doi:10.1016/S0960-0760(01)00112-1. PMID 11717005. Retrieved 29 December 2008.
  • Ayotte C (July 2006). "Significance of 19‐norandrosterone in athletes' urine samples". Br J Sports Med. 40 Suppl 1 (Suppl 1): i25–9. doi:10.1136/bjsm.2006.028027. PMC 2657496 . PMID 16799098.
  • Le Bizec B, Gaudin I, Monteau F, Andre F, Impens S, De Wasch K, De Brabander H (2000). "Consequence of boar edible tissue consumption on urinary profiles of nandrolone metabolites. I. Mass spectrometric detection and quantification of 19-norandrosterone and 19-noretiocholanolone in human urine". Rapid Commun. Mass Spectrom. 14 (12): 1058–65. doi:10.1002/1097-0231(20000630)14:12<1058::AID-RCM991>3.0.CO;2-7. PMID 10861987.