Trobar clus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

El trobar clus ( pronunciación occitana ☃☃ , "cantar, componer tan cerrado y duro") es una de las formas supone que la poesía en la literatura de la lengua de oc , desarrollado por los trovadores del siglo XII.

Consiste in una poesia aspra, dura, oscura, che predilige l'allegoria, contrapposta al trobar ric e al trobar leu (cantare in maniera lieve), caratterizzato da uno stile soave, limpido e chiaro, i cui eredi italiani furono gli stilnovisti, in opposizione alla scuola guittoniana che prediligeva il trobar clus.

Uno dei principali rappresentanti del primo movimento trobar clus fu il trovatore guascone Marcabru (1110 ca.-1150 ca.). Un altro grande esponennte di questo tipo di componimento fu il provenzale Arnaut Daniel (1150 ca. - 1210 ca.), che ispirerà, attraverso lo stile rigido e schematico, Dante Alighieri e Francesco Petrarca. Il trobar clus scomparve poi nel '200 a causa della sua inaccessibilità. Tra gli imitatori di Marcabru ci furono Alegret e Marcoat, i quali dichiaravano di scrivere vers contradizentz (versi contraddittori), indicativi dell'incomprensibilità del trobar clus.[1] Sotto riportiamo un esempio dello stile del sirventes di Marcoat, "Mentre m'obri eis huisel", dove il poeta stesso rimarca le sue moz clus (parole chiuse):

Mon serventes no val plus,
que faitz es de bos moz clus
apren lo, Domeing Sarena.[2]

Nel tardo secolo XII professionisti del trobar clus erano Peire d'Alvernhe, un imitatore di Marcabru, mentre Raimbaut d'Aurenga del trobar ric fu influenzato da Marcoat. La sola trobairitz (trovatore donna) ad usare il trobar clus con maestria fu Lombarda intorno al 1216.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bloch, 114.
  2. ^ Chambers, 91.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) A. Guerreau-Jalabert, « La culture courtoise », ch.7 in Histoire culturelle de la France, J.-P. Rioux et J.-F. Sirinelli (dir.), t.1 : le Moyen Âge, M. Sot, A. Guerreau-Jalabert, J.-P. Boudet, Paris, ed. Le Seuil (réed. coll. « Points »)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]