Torpedone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un moderno torpedone

Il torpedone è un autoveicolo realizzato per il trasporto collettivo delle persone; possiede una carrozzeria dotata di tetto apribile[1] (oggi, più comunemente, completamente priva del tetto) o trasparente.

Per tali caratteristiche, improntate a consentire ai passeggeri la massima visibilità verso l'esterno[1], viene spesso adibito al trasporto dei turisti.

Il termine venne creato per i primi modelli di autobus aperti[2]. All'inizio del secolo scorso i torpedoni venivano costruiti montando su autotelai di autocarri delle carrozzerie aperte, simili per forma a quelle delle automobili di tipo torpedo, anche se notevolmente più grandi: da ciò il nome torpedone.

In Italia, nella seconda metà degli anni trenta, il termine torpedone venne altresì utilizzato obbligatoriamente per sostituire la parola pullman, durante il periodo dell'autarchia nel quale si decise l'abolizione delle terminologie di origine straniera, e tale uso si può incontrare anche in testi recenti[2].

Attualmente i torpedoni sono in servizio in tutte le città d'arte europee, anche nella versione a due piani.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Giacomo Devoto, Gian Carlo Oli, Dizionario della lingua italiana, Firenze, Le Monnier, 1971.
  2. ^ a b Nicola Zingarelli, Vocabolario della lingua italiana, 11ª ed., Bologna, Zanichelli, 1988.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]


trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti