The Wire (rivista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Wire
Stato Regno Unito Regno Unito
Lingua Inglese
Genere Rivista
Fondatore Anthony Wood
Chrissie Murray
Fondazione 1982
Sito web http://www.thewire.co.uk/
 

The Wire è una rivista di musica d'avanguardia, fondata nel 1982 dal produttore jazz Anthony Wood e dal giornalista Chrissie Murray. Il suo lavoro, inizialmente concentrato su jazz contemporaneo e musica d'improvvisazione, dal 1990 circa si è specializzato in "post-rock" (termine coniato da Simon Reynolds sulle pagine di The Wire), hip hop, musica classica moderna, musica d'improvvisazione e diverse forme di musica elettronica. Al giorno d'oggi la rivista continua a coprire tutti questi generi e altre forme di musica sperimentale.

Nel ruolo di direttore, a Anthony Wood è succeduto Richard Cook, a sua volta sostituito da Mark Sinker nel Giugno 1992; dopo il licenziamento di Sinker, avvenuto agli inizi del 1994, la rivista è stata diretta da Tony Herrington, Rob Young e Chris Bohn (conosciuto anche con lo pseudonimo di "Biba Kopf").

Dal 1997 alla rivista sono stati allegate compilation musicali intitolate The Wire Tapper.

Contributori di The Wire[modifica | modifica sorgente]

  • Steve Barker
  • Mike Barnes
  • Clive Bell
  • Chris Blackford
  • Marcus Boon
  • Ben Borthwick
  • Philip Clark
  • Mia Clarke
  • Julian Cowley
  • Christoph Cox
  • Alan Cummings
  • Lina Dzuverovic - Russell
  • Phil England
  • Kodwo Eshun
  • Paul Gilroy
  • Louise Gray
  • Jim Haynes
  • Richard Henderson
  • Tony Herrington
  • Ken Hollings
  • Hua Hsu
  • David Keenan
  • Rhama Khazam
  • Biba Kopf
  • Alan Licht
  • Dave Mandl
  • Brian Marley
  • Marc Masters
  • Jerome Manusell
  • Keith Moline
  • Will Montgomery
  • Brian Morton
  • John Mulvey
  • Anne Hilde Neset

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]