Terra della regina Elisabetta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Terra della regina Elisabetta è la parte del Territorio antartico britannico che si estende dal Mare di Weddell al Polo Sud. Il territorio era senza nome fino al 18 dicembre 2012.

Storia[modifica | modifica sorgente]

In occasione di una visita di Sua Maestà la Regina al Foreign Office a Londra il 18 dicembre 2012, è stato annunciato lì che una superficie di 169.000 miglia quadrate (437.000 km quadrati) del Territorio antartico britannico era stato battezzato Terra della regina Elisabetta.[1] Il ministro degli Esteri britannico, William Hague, ha detto che la denominazione era "un giusto tributo a Sua Maestà, alla fine dell'anno del Giubileo di Diamante".[1]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Le 169 mila miglia quadrate, della Terra della regina Elisabetta sono circa il doppio del Regno Unito ed è essenzialmente un segmento triangolare di Antartide, con al vertice il Polo Sud. È delimitata sul lato nord dal Filchner-Ronne Ice Shelf, a nord-est dalla Terra di Coats,a est dalla Terra della regina Maud e si estende sul lato ovest di una linea tra il Polo Sud e il flusso di ghiaccio Rutford, a est della Constellation Inlet.[2][3][4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b UK to name part of Antarctica Queen Elizabeth Land in BBC News, BBC, 18 dicembre 2012. URL consultato il 18 dicembre 2012.
  2. ^ Queen Elizabeth Land, Foreign & Commonwealth Office. Retrieved 19 December 2012
  3. ^ Gordon Rayner, Part of Antarctica named 'Queen Elizabeth Land' as gift for Diamond Jubilee in The Telegraph, 18 dicembre 2012. URL consultato il 18 dicembre 2012.
  4. ^ Simon Calder, So where exactly is Queen Elizabeth Land? in The Independent, 18 dicembre 2012. URL consultato il 18 dicembre 2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]