Tavola (religione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

La Tavola, in senso religioso, è il termine con cui tradizionalmente viene indicato uno scritto sacro di particolare o fondamentale importanza.

Nell'ebraismo si ritiene che Mosè ricevette da Dio sul Monte Sinai i dieci comandamenti sotto forma di due tavole di pietra incise, altrimenti note come tavole della legge[1][2].

Nell'Islam il destino o la volontà di Dio, ossia al-qaḍāʾ wa al-qadar, (arabo القضاء و القدر), è stato scritto da Dio nella Tavola protetta, al-Lawhu 'l-Mahfuz[3].

Il termine tavola è usato nella letteratura sacra bahai quale titolo di alcuni scritti di Bahá'u'lláh, il fondatore della religione bahai, e del suo successore `Abdu'l-Bahá[4], come il Kitáb-i-`Ahd e il Kitáb-i-Aqdas.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Bibbia, Esodo vv 19:23
  2. ^ Bibbia, Deuteronomio vv 5:2
  3. ^ Destino e libero arbitrio
  4. ^ Peter Smith, A Concise Encyclopedia of the Bahá'í Faith, Oxford, UK, Oneworld Publications, 1999.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]