Tappeto volante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altre accezioni, vedi Tappeto volante (disambigua).
Il tappeto volante, olio su tela del 1880 di Viktor Michajlovič Vasnecov: il principe Ivan Carevič trasporta l'uccello di fuoco che ha catturato.

Il tappeto volante è un motivo popolarissimo in letteratura. Si tratta di un immaginario mezzo di trasporto usato per trasportare rapidamente o istantaneamente persone in luoghi lontani.

Spesso viene associato a Le mille e una notte:[1] effettivamente, alcune novelle fanno uso di questa immagine; tuttavia, temi del genere non venivano affatto menzionati nel primo manoscritto, quello che comprendeva le prime 282 notti. Al contrario di quel che si crede, in questa raccolta il motivo è relativamente raro:[2] lo si incontra in diverse versioni non originali di Aladino e la lampada magica.

Il soggetto, oltre a comparire nella mitologia persiana ed araba, si ritrova anche nel folklore russo (avventure di Baba Jaga).[3] Apprezzata nella letteratura ottocentesca, l'immagine del tappeto volante fu poi ripresa anche per la stesura di una nota avventura del fumetto Asterix: Le mille e un'ora di Asterix.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ telegraph
  2. ^ Les mille et une nuits, Galland.
  3. ^ tanais
  4. ^ Albert Uderzo, Astérix chez Rahàzade, Albums de la série Astérix, ed. Dargaud, 1987.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]