Subaru Forester

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Subaru Forester
1998-2000 Subaru Forester.jpg
Subaru Forester prima serie
Descrizione generale
Costruttore Giappone  Subaru
Tipo principale Sport Utility Vehicle
Produzione dal 1997
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 1998–2000: 4.450 mm
2001–2002: 4.460 mm
Larghezza 1.735 mm
Altezza 1.595 mm
Passo 2.525 mm
Massa aspirato:
manuale 1.430 kg
automatico 1.445 kg
turbo:
manuale 1.505 kg
automatico 1.525 kg
Altro
Stessa famiglia Subaru Impreza
Subaru XV
Auto simili Honda CR-V
Toyota RAV4
1998-1999 Subaru Forester GT wagon (2009-01-31) 03.jpg

Subaru Forester è un SUV medio prodotto dalla Subaru a partire dal 1997.

Il contesto[modifica | modifica sorgente]

Venne presentato al Tokyo Motor Show nel 1995 come “Streega” concept car, entrando poi in produzione due anni dopo[1]. È ormai arrivato alla 4ª generazione con il nuovo modello presentato nel gennaio del 2013, il MY2013 (MY per "Model Year")[2]. Il modello ha come base il telaio della seconda serie della nota berlina compatta Impreza, che è stato leggermente modificato rinforzandolo e rendendolo ancora più resistente alle torsioni.

Forester seconda serie

Motorizzata con propulsore boxer come quasi tutte le Subaru, ha un peso contenuto per una macchina di queste dimensioni (poco più di 1400 kg), grazie allo studio dei tecnici che l'hanno saputo ridurre attraverso vari accorgimenti, tra cui l'uso del motore boxer. Questo consente alla Forester di essere sia agile che sicura praticamente in tutte le situazioni, soprattutto sulla neve, grazie al sistema Symmetrical AWD (All Wheel Drive) di Subaru che garantisce una perfetta simmetria tra motore, trasmissione e assali oltre a conferire a tutte le Subaru un'elevata tenuta di strada, manovrabilità e motricità anche nelle situazioni limite.

Esistono attualmente 3 versioni in commercio: la versione 2.0i a benzina con cambio automatico o manuale, la versione 2.0i Bi-Fuel con il motore in grado di funzionare sia a benzina che a GPL e la versione 2.0D a gasolio (il cui propulsore è il primo motore boxer diesel per auto al mondo).

Motorizzazioni dal 1997 al 2006[modifica | modifica sorgente]

Modello Motore Cilindrata Potenza Coppia Rapporto di
compressione
0-100 km/h
(s)
Velocità max
(Km/h)
Consumo
medio (Km/l)
2.0 16v
aspirato manuale
EJ20DOHC 1.994 cm³ 92 kW (125 CV)
@5.600 RPM
184 N·m (18,8 kgm)
@3.600 RPM
10:1 11,4 179 11,1
2.0 16v
aspirato automatico
EJ20DOHC 1.994 cm³ 92 kW (125 CV)
@5.600 RPM
184 N·m (18,8 kgm)
@3.600 RPM
10:1 12,4 167 10,9
2.0 16v
turbo manuale
EJ20DOHC
Turbo compresso
1.994 cm³ 125 kW (170 CV)
@5.600 RPM
240 N·m (24,5 kgm)
@3.200 RPM
8,4:1 8,4 198 10,1
2.0 16v
turbo automatico
EJ20DOHC
Turbo compresso
1.994 cm³ 125 kW (170 CV)
@5.600 RPM
240 N·m (24,5 kgm)
@3.200 RPM
8,4:1 9,3 189 9,5

Motorizzazioni dal 2008[modifica | modifica sorgente]

Modello Disponibilità Motore Cilindrata
(cm³)
Potenza Coppia Massima
(Nm)
Emissioni CO2
(g/Km)
0–100 km/h
(secondi)
Velocità max
(Km/h)
Consumo medio
(Km/l)
2.0 dal 2008 Benzina 1995 110 Kw (150 Cv) 198 173 10.7 185 13.3
2.0D X dal 2008 Diesel 1998 108 Kw (147 Cv) 350 155 10.3 186 16.9
2.0D XS dal 2008 Diesel 1998 108 Kw (147 Cv) 350 155 10.3 186 16.6
2.0 Bi-Fuel dal 2008 Benzina/GPL 1995 110 Kw (150 Cv) 198 198 11.0 184 11.9

[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ edmunds.com
  2. ^ Il lancio del MY2013 sul sito ufficiale
  3. ^ [1], Documento con dati tecnici sul sito del costruttore.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili