Stromatoliti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stromatoliti.

Le stromatoliti (dal greco στρώμα, strōma, tappeto, coperta e λὶθος, lìthos, pietra) sono strutture sedimentarie, appartenenti al gruppo dei calcari non particellari biocostruiti, finemente laminate dovute all'attività di microrganismi fotosintetici bentonici come procarioti (ad esempio cianobatteri) e anche microscopiche alghe eucariotiche. Sono state fra le maggiori responsabili per la presenza di ossigeno nell'atmosfera terrestre e sono state l'organismo che ha dominato la terra per quasi tre miliardi di anni.

Stromatoliti colonnari proterozoiche

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Le stromatoliti si formano per intrappolamento periodico nella mucillagine prodotta da alghe azzurre e/o batteri, di sedimento particellare molto fine, costituito in prevalenza da fango carbonatico. Dopo che il primo tappeto algale ha fissato le particelle del sedimento sulla sua superficie gelatinosa, fino ad essere completamente coperto, i filamenti algali si sviluppano al di sopra e formano così un altro tappeto. Così facendo si forma una successione di livelli alternati di sostanza organica con altri ricchi di sedimento. A causa dei processi diagenetici, raramente si conservano i resti delle microalghe e la laminazione è l'unica testimonianza della loro attività. La morfologia delle stromatoliti è molto variabile, da lamine piano-parallele ad ondulate, fino a mammellonari e colonnari, a seconda del tipo di alghe o batteri che le costituiscono e delle condizioni ambientali. In ambiente con elevata energia delle acque, i tappeti algali possono formare involucri concentrici intorno ad oggetti ("nuclei") sottoposti a rotolamento continuo per opera di onde e correnti, dando origine ad oggetti isolati chiamati oncoliti, che costituiscono un caso particolare di stromatolite.

Ambiente di formazione attuale di Stromatoliti (in questo caso da mammellonari a colonnari) - Shark Bay in Australia Occidentale
Altre Stromatoliti viventi, con morfologia mammellonare - Lake Thetis, in Australia Occidentale

Distribuzione stratigrafica[modifica | modifica sorgente]

Le stromatoliti più antiche di origine microbiotica accertata risalgono a 2.724 milioni di anni fa,[1] ma recenti scoperte mostrano forti evidenze di stromatoliti da attività microbiotica risalenti a circa 3.450 milioni di anni fa;[2][3] sono ampiamente diffuse in tutto il Precambriano. Tra le più note, quelle rinvenute nella Gunflint Iron Formation in Canada, risalenti a circa 2 miliardi di anni fa.

Nell'Archeano le stromatoliti sono piuttosto rare e strutturalmente semplici; diventano abbondanti e diversificate nel Proterozoico. Le stromatoliti diminuirono in modo definitivo circa 680 milioni di anni fa; si verificò una modesta ripresa solo nel passaggio Cambriano-Ordoviciano. Tale declino è attribuibile alla comparsa dei primi metazoi brucatori e degli organismi fossatori che bioturbavano la tessitura delle lamine.

In Italia sono abbastanza frequenti nelle formazioni del Cambriano inferiore della Sardegna e triassiche delle Alpi e degli Appennini, in ambiente di piattaforma carbonatica; non sono mai state segnalate in rocce di epoca precambriana.[4]

Distribuzione attuale[modifica | modifica sorgente]

Attualmente le stromatoliti si formano in ambienti marini marginali di piana di marea, nella zona intertidale a salinità normale od elevata ma anche in ambienti subtidali di alcune aree dell'Australia, della Florida, delle Bahamas e del Golfo Persico. Queste strutture sono presenti diffusamente anche in ambiente lacustre, soprattutto in clima temperato-tropicale, come prodotto dell'attività batterica.

Hanno un importante significato paleoambientale e, almeno nel Fanerozoico, sono dei buoni indicatori di ambienti di acque basse ad elevatà stabilità ambientale. Quelle attuali sono morfologicamente diverse da quelle del Proterozoico.

Presenza al di fuori del pianeta terra[modifica | modifica sorgente]

Su alcuni meteoriti di origine marziana recentemente si sono trovate tracce di tali strutture,[5][6] che proverebbero l'esistenza di vita su Marte in un lontano passato.

Ambienti sedimentari correlati[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Kevin Lepot, Karim Benzerara, Gordon E. Brown, Pascal Philippot, Microbially influenced formation of 2.7 billion-year-old stromatolites in Nature Geoscience, vol. 1, nº 2, 2008, pp. 118–21, DOI:10.1038/ngeo107.
  2. ^ Abigail Allwood, Grotzinger, Knoll, Burch, Anderson, Coleman, and Kanik, Controls on development and diversity of Early Archean stromatolites in Proceedings of the National Academy of Sciences, vol. 106, nº 24, 2009, pp. 9548–9555, DOI:10.1073/pnas.0903323106.
  3. ^ Cradle of life: the discovery of earth's earliest fossils, Princeton, N.J, Princeton University Press, 1999, pp. 87–89, ISBN 0-691-08864-0.
  4. ^ D'altro canto, il metamorfismo, di grado più o meno elevato, cui sono soggette le formazioni di epoca precambriana in Italia, può aver obliterato le tracce di queste strutture eventualmente presenti.
  5. ^ La NASA Afferma "Probabilmente c'è stata vita su Marte", Repubblica.it. URL consultato l'11 gennaio 2010.
  6. ^ (EN) New Study Adds to Finding of Ancient Life Signs in Mars Meteorite, Nasa.gov. URL consultato l'11 gennaio 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

scienze della Terra Portale Scienze della Terra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scienze della Terra