Spedizione di Penobscot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una mappa del 1785 raffigurante questa impresa. La mappa è in immagine speculare (il fiume Penobscot è in realtà ad ovest della penisola di Majabigwaduce, dove si trova la fortezza) e non in scala.

La spedizione di Penobscot fu una spedizione navale americana inviata per riconquistare il Maine, che gl'Inglesi avevano occupato e rinominato Nuova Irlanda. Fu la più grande spedizione navale americana condotta durante la Guerra di indipendenza americana e viene ricordata come la peggiore sconfitta navale degli Stati Uniti d'America fino all'attacco di Pearl Harbor[1]. I combattimenti si svolsero sia a terra che in mare, nei pressi dell'attuale città di Castine, nel Maine. La sconfitta della spedizione americana fu per contro una delle più grandi vittorie britanniche durante la guerra.

Nel giugno del 1779, le forze dell'esercito britannico, al comando del generale britannico Francis McLean, stabilirono una serie di fortificazioni concentrate in un forte situato nella penisola di Majabigwaduce, sulla baia di Penobscot, con l'obiettivo d'instaurare una presenza militare in questa zona della costa e creare una nuova colonia, cui dettero il nome di Nuova Irlanda. In risposta a ciò, lo stato del Massachusetts, con l'appoggio del Congresso Continentale, inviò una spedizione allo scopo di scacciare gli inglesi.

Le truppe americane sbarcarono alla fine di luglio e tentarono di portare l'assedio alla fortezza britannica con una serie di azioni, gravemente ostacolate dai disaccordi per il controllo della spedizione tra il commodoro Dudley Saltonstall ed il generale Solomon Lovell. L'operazione si concluse con un disastro quando una flotta britannica, al comando di Sir George Collier giunse nella baia il 13 agosto, spingendo la flotta americana alla totale autodistruzione lungo il fiume Penobscot, ad evitare che il naviglio cadesse in mani nemiche. I sopravvissuti della spedizione americana furono costretti a compiere un difficoltoso viaggio via terra per tornare nelle zone popolate del Massachusetts, con una minima quantità di cibo e armamenti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Bicheno, p.149

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Bernard Cornwell, The Fort (L'ultima fortezza), HarperCollins, 2010; TeaDue,2012.Un romanzo storico avventuroso rappresentante la Spedizione di Penobscot, con una reale "Nota Storica" (pp.513-532) su fonti e dettagli chiave.
  • Hugh Bicheno, Redcoats and Rebels: The American Revolutionary War, London, Harper Collins, 2003. ISBN 978-0-00-715625-2, OCLC 51963515.