Sindrome compartimentale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Sindrome Compartimentale
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 729.9, 958.8
ICD-10 (EN) T79.6

La Sindrome Compartimentale, rientra nelle categorie delle sindromi, ed è una delle più complesse in ortopedia.

La Sindrome Compartimentale è la complicanza a più alto rischio di perdita dell'arto. La tumefazione del muscolo leso all'interno di un involucro costrittivo (stecca, gesso, fasciatura) aumenta la pressione tissutale e diminuisce la perfusione sanguigna, tutti i tessuti entrano in sofferenza per lo scarso apporto di ossigeno, nutrimenti e riciclo di anidride carbonica, ne risulta una ischemizzazione dell'arto e dopo poche ore si può andare incontro a necrosi se non si agisce tempestivamente. La presenza di polsi distali non esclude una sindrome compartimentale.

Diagnostica[modifica | modifica wikitesto]

Si può diagnosticare con certezza usando un dispositivo che misura la pressione intramuscolare per via Percutanea.

Tipologia[modifica | modifica wikitesto]

Fra le varie sindromi compartimentali troviamo quella anteriore e quella da sforzo cronico.

  • Sindrome compartimentale da sforzo cronico, viene caratterizzata da crampi tensione e dolore, la si ritrova nel campo della medicina sportiva.

Sintomatologia[modifica | modifica wikitesto]

Fra i vari sintomi si riscontrano parestesia, intorpidimento fino alla paralisi, e un forte dolore o perdita di una funzione motoria posta ad un'estremità.

Fasciotomy leg.jpg

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

La causa scatenante è da ritrovare in una passata ischemia, frattura, trauma, infezione o anche un'infiammazione avute in un spazio anatomico chiuso. Tale anomalia ha poi riportato la compressione dei vasi, nervi o tendini che attraversano quel determinato compartimento anatomico.

Terapie[modifica | modifica wikitesto]

Bisogna agire immediatamente con la fasciotomia, altrimenti tardando l’intervento si necessiterà in seguito di più interventi chirurgici di ricostruzione maggiore, ma essi comporteranno solo un minimo recupero.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Joseph C. Segen, Dizionario di medicina moderna (Concise dictionary of modern medicine), Milano, McGraw-Hill, 2007. ISBN 978-88-386-3917-3.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina