Simplicissimus (settimanale satirico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Simplicissimus era un giornale satirico-umoristico tedesco.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Fu fondato a Monaco nel 1896 da due amici: l'editore Albert Langen e il giornalista Theodor Heine. Per i suoi scritti apertamente contro il Kaiser, la chiesa e la condotta militare subì vari processi di lesa maestà. Agli inizi del XX secolo poté contare sull'aiuto di personaggi quali, Hermann Hesse, Thomas Mann, Gustav Meyrink, Georg Queri, Fanny zu Reventlow, Ludwig Thoma, Knut Hamsun, Jakob Wassermann, Frank Wedekind, Arthur Holitscher, Karl Arnold, Franziska Bilek, Walter Essenther, George Grosz, Olaf Gulbransson, Heinrich Kley, Alfred Kubin, Rudolf Kriesch, Otto Nückel, Bruno Paul, Ferdinand von Rezniček, Erich Schilling, Wilhelm Schulz, Edgar Steiger, Eduard Thöny, Robert Walser, Rudolf Wilke, Heinrich Zille, Hugo von Hofmannsthal, Heinrich Mann, Rainer Maria Rilke e i disegnatori B. Paul e T.T Heinz. Il periodo felice finì e con esso le pubblicazioni, una prima volta nel 1944 e definitivamente nel 1967 dopo aver ripreso nel 1954.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]