Shushanik

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Santa Shushanik
Shushanik.jpg

Martire, Regina

Nascita 440
Morte 475
Venerata da Chiesa cristiana ortodossa
Chiesa apostolica armena
Chiese cattoliche orientali
Ricorrenza 17 ottobre

Shushanik, armeno: Շուշանիկ, georgiano: შუშანიკი, corrispondente al nome italiano di Susanna (Armenia, 440Tsurtavi, 475), è stata una regina georgiana. Di fede cristiana venne uccisa dal marito Varsken nella città Tsurtavi, Georgia. Difese fino alla morte il diritto di professare il cristianesimo. Il suo martirio è stato descritto nell'opera agiografica del suo confessore Giacobbe (Iakob Tsurtaveli).

Shushanik, figlia del generale armeno (sparapet) Vartan Mamikonian, sposò l'eminente signore feudale (pitiakhsh) Varsken, figlio di Arshusha, il quale venne ad opporsi a Vakhtang I Gorgasali, re di Kartli, schierandosi a fianco dei persiani. Varsken abiurò il Cristianesimo adottando lo zoroastrismo. Uccise la sua sposa dopo che lei si rifiutò di sottomettersi al suo ordine di abbandonare la fede cristiana. Varsken stesso fu messo a morte dal re Vakhtang nel 482.

Shushanik è stata canonizzata dalle chiese armene e georgiane. La ricorrenza viene celebrata il 17 ottobre.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]