Shōhei Maru

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Shohei Maru
La Shoei Maru
La Shoei Maru
Naval Ensign of Japan.svg
Cantiere Sakura-jima, Seto-Mura
Impostata 1853
Entrata in servizio gennaio 1855
Destino finale Naufragata nel 1870
Caratteristiche generali
Propulsione nave a vela a 3 alberi
Armamento
Armamento 10 cannoni

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

La Shōhei Maru (昇平丸?) fu la prima nave da guerra di tipo occidentale costruita dal Giappone dopo il periodo di isolamento del paese. Ne venne ordinata la costruzione nel 1852 nel feudo meridionale di Satsuma dal governo dello Shogun in anticipazione dall'annunciata missione del Commodoro Perry nel 1853.

La nave venne varata nel 1854 ed inviata ad Edo nel febbraio 1855, prima di essere trasferita al governo del Bakufu nell'agosto 1855.

Apparentemente venne costruita usando manuali di costruzione di navi a vela olandesi con qualche conoscenza pratica che poteva essere ottenuta dall'osservazione degli occasionali vascelli stranieri che passavano per le acque del Giappone.

Il Bakufu la utilizzò principalmente come mezzo di addestramento fino a che venne requisita dal nuovo governo Imperiale che si insediò in seguito alla restaurazione Meiji.

Venne quindi usata come trasporto mercantile per lo sviluppo dell'isola settentrionale dell'Hokkaidō, dove naufragò in seguito ad una tempesta il 2 marzo 1870.

Sebbene la Shōhei Maru rappresentasse un ritorno alla costruzione di vascelli in grado di affrontare l'oceano, dopo due secoli di proibizioni del Bakufu, il Giappone aveva già costruito diversi navi a vela di tipo occidentale all'inizio del XVII secolo, come il galeone San Juan Bautista.

marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina