Scott Kannberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scott Kannberg
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Indie rock
Periodo di attività 1989 – in attività
Strumento Voce, Chitarra
Etichetta Matador Records
Domino Records
Drag City
Gruppi Pavement
Preston School of Industry
Album pubblicati 8
Sito web

Scott Kannberg, nato Christopher Scott Kannberg e meglio conosciuto con lo pseudonimo di Spiral Stairs (Stockton, 30 agosto 1966), è un cantante e chitarrista statunitense, membro fondatore della band indie rock Pavement.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Stockton (California), nel 1989, assieme al suo amico d'infanzia Stephen Malkmus forma i Pavement, adottando lo pseudonimo di Spiral Stairs ("Volevo un nome punk rock a la Nikki Sudden, Epic Soundtracks. Un mio amico di Stockon, Ed Barnhardt, mi trovò questo."[1]). Inizialmente nati come mero progetto da studio e poi evolutisi, a partire dal 1992, in una vera e propria band, nel corso della loro decennale carriera, i Pavement, pubblicarono cinque album, nove EP e undici singoli, prima di separarsi nel 1999.[2] Oltre che chitarrista, Kannberg, fu anche autore (e cantante solista) di alcune canzoni della band, tra cui: Painted Soldiers, Hit the Plane Down, Kennel District, Date With IKEA e Passat Dream.

Nel 1998, Kannberg diede vita ad una sua etichetta discografica chiamata Pray for Mojo (poi ribattezzata Amazing Grease) con la quale ha pubblicato, nel corso degli anni, i lavori di Oranger, Carlos, Sunless Day, Cole Marquis, Aaron Nudelman e Moore Brothers.[3]

Nel 2000, dopo la separazione dei Pavement, formò una nuova band, i Preston School of Industry assieme al batterista Andrew Borger e al bassista Jon Erickson[3] debuttando, nel mese di agosto del 2001, con un album intitolato All This Sounds Gas, seguito da un secondo disco dal titolo Monsoon, uscito nel 2004.

Nel 2009 ha poi debuttato anche come solista con l'album The Real Feel, uscito per la Matador Records.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album con i Pavement[modifica | modifica sorgente]

Album con i Preston School of Industry[modifica | modifica sorgente]

Album come Spiral Stairs[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Rob Jovanovic, Perfect Sound Forever: The Story of Pavement, Justin, Charles & Co, 2004, p. 65.
  2. ^ (EN) Heather Phares, Pavement in Allmusic, All Media Network.
  3. ^ a b (EN) James Christopher Monger, Spiral Stairs in Allmusic, All Media Network.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]