Queensland Raceway

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 27°41′33″S 152°39′14″E / 27.6925°S 152.653889°E-27.6925; 152.653889

Queensland Raceway
Tracciato di Queensland Raceway
Ubicazione
Stato Australia Australia
Località Ipswich, Queensland
Dati generali
Lunghezza 3.120 m
Curve 6
Categorie
V8 Supercars
Superbike
V8 Supercars
Tempo record 1:04.0661
Stabilito da Simon Wills
su Reynard 94D Holden

Il Queensland Raceway è un circuito edificato vicino alla città di Ipswich, nel Queensland, Australia. Per la sua caratteristica forma, è stato soprannominato "la graffetta". Il percorso è stato disegnato da Tony Slattery in collaborazione con il professor Rod Troutbeck.

Il circuito ospita varie competizioni, dalle V8 Supercars al campionato Superbike nazionale.

Dati tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Il Queensland Raceway è lungo 3,12 km e largo 12 metri. Il senso di marcia è orario e dispone di 6 curve. Grazie al terreno pianeggiante dove è situato il circuito, gli spettatori hanno un'ottima visione del percorso dagli spalti. Il percorso è molto sconnesso.

Dick Johnson Straight[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2001 la parte anteriore del circuito è stata intitolata Dick Johnson Straight, in onore del pilota Dick Johnson, cinque volte campione nazionale e tre volte vincitore a Bathurs. Sul muro della pit-lane è presente una targa commemorativa a lui dedicata.

L'inaugurazione di questo tratto è avvenuta nel 2001, durante il pregara del VIP Petfoods Queensland 500. L'anno precedente, Dick Johnson aveva abbandonato il mondo delle corse disputando una gara delle V8 Supercars proprio su questo circuito con suo figlio Steve.

Aggiornamenti futuri[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º maggio 2010 ha avuto luogo un grave incidente nel Queensland Raceway. Ciò ha indotto il proprietario del circuito John Tetley a confermare un rifacimento del percorso entro la fine del 2010[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Circuit safe says CEO, v8supercar.com.au, 2 maggio 2010. URL consultato il 9 maggio 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]