Pittore di Bellerofonte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Pittore di Bellerofonte è il nome convenzionale col quale si identifica un ceramografo attico, al quale si attribuisce la raffigurazione della figura di Bellerofonte su una faccia di due anfore catalogate nel Museo Nazionale di Atene coi numeri di 16389 e 16391. Assieme a Bellerofonte è raffigurata la chimera. La tecnica utilizzata è quella delle figure nere; le opere eponime risalgono al primo decenni del VI secolo a.C. e sono caratterizzate dall'occupare pure il collo del vaso, ma non da una adeguata forza di disegno.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pittore di Bellerofonte in Treccani.it - Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • J. D. Beazley, Attic Black-Figure Vase-Painters, Oxford, Clarendon Press, 1956, p. 2.
  • K. Kübler, Altattische Malerei, Tubinga, 1950, p. 27.
  • Wilhelm Klein, Geschichte der griechischen Kunst, I, Francoforte sul Meno, 1949.