Pedro Almíndez Chirino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Pedro Almíndez Chirino, o Pedro Almíndez Chirinos (... – ...), è stato un esploratore e conquistador spagnolo che governò la Nuova Spagna mentre Hernán Cortés si trovava in Honduras, nel 1525-26.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1530 fu mandato da Nuño Beltrán de Guzmán negli attuali stati messicani di Jalisco, Aguascalientes, Zacatecas e Sinaloa per esplorare la regione, alla ricerca di oro e argento, e per sottomettere gli indiani. Attraversò l'attuale città di Lagos de Moreno, Jalisco, nel marzo del 1530 con 50 soldati spagnoli e 500 alleati Tarascani e Tlaxcaltechi. L'incontro fu pacifico, ma venne accusato di un massacro a Morocito (Sinaloa) nel 1531, d in molti altri posti di aver distrutto e bruciato tutto quello che trovava. "Mocorito" in lingua cahita significa "luogo dei morti". Gli indiani lo chiamarono così per via degli indigeni uccisi da Pedro Almindez Chirino.

Conquista spagnola delle Americhe Portale Conquista spagnola delle Americhe: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Conquista spagnola delle Americhe