Papiro 33

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papiro 33
Manoscritto del Nuovo Testamento
Simbolo \mathfrak{p}33
Testo Atti degli Apostoli 7; 15 †
Datazione VI secolo
Scrittura greco
Conservazione Biblioteca Nazionale Austriaca
Dimensione [28-29] x [23] cm
Tipo testuale alessandrino
Categoria II

Il Papiro 33 (\mathfrak{p}33) è uno dei più antichi manoscritti esistenti del Nuovo Testamento, datato paleograficamente agli inizi del VI secolo.[1] È scritto in greco.

Contenuto del papiro[modifica | modifica sorgente]

\mathfrak{p}33 contiene una piccola parte del Atti degli Apostoli (7,6-10, 13-18; 15,21-24, 26-32).[1]

È attualmente ospitato presso la Biblioteca Nazionale Austriaca (Pap. G. 17973, 26133, 35831, 39783) in Vienna.[1][2]

Il testo del codice è rappresentativo del tipo testuale alessandrino. Kurt Aland lo ha collocato nella Categoria II.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Kurt Aland, and Barbara Aland, The Text of the New Testament: An Introduction to the Critical Editions and to the Theory and Practice of Modern Textual Criticism, trans. Erroll F. Rhodes, William B. Eerdmans Publishing Company, Grand Rapids, Michigan, 1995, p. 98.
  2. ^ Papiro 33 (GA) in Liste Handschriften, Münster, INTF. URL consultato il 28 settembre 2011.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • C. Wessely, Studien zur Paläographie und Papyruskunde XII, (Leipzig 1912), pp. 245.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

cristianesimo Portale Cristianesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cristianesimo