Nullità (diritto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La nullità è il rimedio più forte che l'ordinamento giuridico offre per sanzionare l'invalidità di un atto giuridico. La categoria dottrinaria (non codificata) dell'inesistenza, a livello teorico ancora più radicale, è comunque assimilabile alla nullità.

Presupposti[modifica | modifica sorgente]

L'art. 1418 c.c., rubricato "Cause di nullità del contratto", individua nei suoi tre commi le fattispecie di nullità del contratto. Per quanto riguarda gli atti unilaterali l'art. 1324 c.c. estende, ove compatibile, la disciplina contrattualistica. I casi sono:

  • contrarietà a norme imperative: con questo termine si intendono le norme non derogabili (non dispositive) dalla volontà privata.
  • mancanza di un requisito essenziale ex art. 1325: la mancanza totale del consenso, della causa, dell'oggetto (o di suoi requisiti ex art. 1346) o la mancanza della forma ove prevista a pena di nullità.
  • illiceità della causa (artt. 1343-44) o dei motivi (art. 1345): nel caso della illiceità del motivo, questo deve essere comune alle parti, unico e determinante.
  • altri casi stabiliti dalla legge (nullità speciali).

Disciplina[modifica | modifica sorgente]

L'azione di nullità può essere esercitata da chiunque ne abbia interesse (cfr. art. 100 c.p.c.) o anche rilevata d'ufficio dal giudice. Particolari sono poi alcune categorie di nullità, quali le nullità di protezione. L'azione è imprescrittibile. È inoltre tradizionalmente considerato un rimedio atipico, nel senso che i suoi presupposti per agire sono estremamente ampi: la violazione di norme imperative, ad esempio, permette di essere modellata su numerosissime situazioni di fatto molto diverse tra loro, e stessa cosa si potrebbe dire per un contratto illecito per contrarietà ad ordine pubblico o buon costume (rectius con causa contraria all'ordine pubblico o al buon costume).

L'art. 1419 permette, in ossequio al principio di conservazione del contratto, di limitare la dichiarazione di nullità a singole clausole (nullità parziale) a meno che queste non siano da considerarsi essenziali nell'interesse delle parti. Il comma secondo prevede un'ulteriore ipotesi di nullità parziale: la sostituzione ex lege delle clausole che violino norme imperative.

Nel caso di contratti plurilaterali la nullità che colpisce il vincolo di una sola parte non travolge l'intero negozio a meno che la partecipazione della parte non debba, nel caso concreto, considerarsi essenziale. Questa regola è da considerarsi un principio generale in tema di invalidità dei contratti plurilaterali.

L'ordinamento proibisce in via generale la convalida del negozio nullo, ma consente una particolare forma di sanatoria in specifici casi (es. testamento art. 590 c.c. e donazione art. 799).

Il contratto nullo può produrre gli effetti di un contratto diverso se sussistono i requisiti di sostanza e forma e se le parti hanno interesse al mantenimento del vincolo così ridimensionato (conversione del contratto nullo).

Effetti[modifica | modifica sorgente]

La dichiarazione di nullità da parte del giudice opera retroattivamente (ex tunc) cancellando l'atto nullo e tutti i suoi effetti.

Eccezioni[modifica | modifica sorgente]

Le eccezioni a questo principio sono da ricollegarsi all'art. 1422 c.c. relativo all'imprescrittibilità dell'azione che fa salvi gli effetti dell'usucapione e della prescrizione dell'azione di ripetizione e all'effetto sanante della trascrizione per il terzo acquirente in buona fede (ex art. 2652 n° 6/2).

Altra parziale eccezione si verifica nel caso di nullità del contratto di lavoro subordinato. Infatti, il 1º comma dell'art. 2126 c.c. (Prestazione di fatto con violazione di legge), se da un lato dispone che "la nullità o l'annullamento del contratto di lavoro non produce effetto per il periodo in cui il rapporto ha avuto esecuzione, salvo che la nullità derivi dall'illiceità dell'oggetto o della causa", d'altro canto, il 2º comma dello stesso articolo, sotto determinate ipotesi (nullità, o annullabilità, per violazione di norme a tutela del lavoratore), fa salvo l'effetto dell'obbligo di corresponsione della retribuzione: "se il lavoro è stato prestato con violazione di norme poste a tutela del prestatore di lavoro, questi ha in ogni caso diritto alla retribuzione" (la cosiddetta "prestazione di fatto"). Dalla salvezza dell'obbligo retributivo, ne conseguono anche, in forza di altre leggi, gli effetti obbligatori in materia di sicurezza, previdenza e assicurazioni sociali.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto