Norma dispositiva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Si dice dispositiva una norma giuridica che trova applicazione solo quando le parti di un rapporto giuridico non abbiano disposto diversamente (nel qual caso si dice che la norma è stata derogata). La norma dispositiva si contrappone a quella imperativa che trova sempre applicazione e non può essere derogata dalla diversa volontà della parti. Taluni distinguono, nell'ambito delle norme dispositive così intese (dette anche derogabili o relative), le norme dispositive in senso stretto, che regolano un rapporto ma lasciano alle parti la possibilità di regolarlo diversamente, dalle norme suppletive, che regolano un rapporto solo in mancanza di una regolamentazione voluta dalle parti.

In presenza di una norma dispositiva le parti mantengono il potere di disciplinare diversamente, con un atto giuridico, il loro rapporto, sicché non si ha una limitazione dell'autonomia privata, cosa che invece avviene con la norma imperativa. Di conseguenza l'atto giuridico difforme da una norma dispositiva è pienamente valido ed, anzi, sostituisce la propria disciplina a quella della norma, derogandola, mentre l'atto difforme da una norma imperativa è sempre invalido.

Le norme dispositive hanno la funzione di integrare la volontà delle parti, sollevandole dalla necessità di definire tutti gli aspetti della disciplina del loro rapporto giuridico: nel caso abbiano trascurato taluni aspetti, il vuoto di disciplina è infatti automaticamente colmato dall'ordinamento giuridico. Inoltre le norme dispositive rappresentano un modello per la disciplina di determinati rapporti, al quale le parti possono attingere.

In considerazione della loro funzione, le norme dispositive sono poste nell'interesse delle parti, laddove le norme imperative sono poste nell'interesse pubblico. Di conseguenza, le norme dispositive sono tipiche nel diritto privato e quasi assenti (o, secondo alcuni autori, del tutto assenti) nel diritto pubblico. Le norme imperative sono invece tipiche del diritto pubblico ma se ne trovano anche nel diritto privato, specie in alcuni settori quali il diritto di famiglia o il diritto del lavoro. Negli ordinamenti odierni è del resto sempre più frequente il ricorso a norme imperative nei casi in cui l'ordinamento giuridico ritiene di limitare l'autonomia privata delle parti a tutela di un preminente interesse pubblico o al fine di tutelare una parte ritenuta debole per la sua condizione socio-economica (come accade, in molti ordinamenti, per il lavoratore dipendente).

Dal punto di vista della tecnica legislativa, le norme dispositive sono normalmente formulate utilizzando espressioni quali "salvo patto contrario", "salvo che le parti abbiano disposto diversamente" e simili.

diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto