Neverita josephinia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Neverita josephinia
Neverita josephinia 001.JPG
Neverita josephinia
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Mollusca
Classe Gastropoda
Sottoclasse Orthogastropoda
Superordine Caenogastropoda
Ordine Sorbeoconcha
Sottordine Hypsogastropoda
Infraordine Littorinimorpha
Superfamiglia Naticoidea
Famiglia Naticidae
Genere Neverita
Specie N. josephinia
Nomenclatura binomiale
Neverita josephinia
Risso, 1826

Neverita josephinia Risso, 1826 è un mollusco gasteropode marino della famiglia Naticidae.


Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Neverita josephinia 000.JPG
Esemplari vivi
Esemplare vivo

È caratterizzato da una conchiglia di 20–35 mm, a forma naticoide, con una spira poco elevata e una base ampia, dove l'ombelico è quasi del tutto coperto da un grosso e vistoso callo di colore bruno. L'opercolo è corneo e viene ruotato all'indietro di 180° verso la conchiglia quando l'animale esce dal guscio.

Il mollusco è caratterizzato da un colore bianco limpido, con un piede circolare piuttosto grande che si estende anche superiormente a ricoprire quasi interamente il guscio. La parte frontale dell'animale presenta due piccoli tentacoli (o antenne), non necessariamente sempre estroflessi.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie, comune nel Mediterraneo, abbondante nel Medio e parte dell'Alto Adriatico [1] fino a 10 metri di profondità, preferisce zone ricche di nutrimento e acque calme e fondali limosi.

Sottospecie[modifica | modifica sorgente]

  • Neverita josephinia philippiana Recluz, caratterizzata dalla spira più elevata
  • Neverita josephinia coelata Recluz, caratterizzata dal callo più esteso.

Nomi comuni[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Josephine's Moon snail
  • (FR) Natice josephine

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cossignani et al., 1992

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (FR) J. Arrecgros, Coquillages marins, Lausanne, Librairie Payot, 1958.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]


Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

molluschi Portale Molluschi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di molluschi