Netstrike

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un netstrike è una forma di protesta collettiva attuata attraverso Internet.

Tecnicamente si può definire come un attacco informatico non invasivo che consiste nel moltiplicare le connessioni contemporanee al sito-target al fine di rallentarne o impedirne le attività.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Questa metodologia di attacco è stata inventata da un gruppo italiano nel 1995, che invitava a questa protesta elettronica di massa con questo testo:

(EN)

« In spite of the name, (that sounded good anyway), it is the networked version of a peaceful sit-in. The metaphor that best represents it is that of a number of people that walk on pedestrian crossings with signs and banners, if their number is really big they can stop traffic for a noticeable period of time. The first target for a netstrike were the sites of french government that in that period was conducting nuclear tests on Mururoa atoll. Since that time an infinite series of netstrikes were launched, in some case we promoted those, in many other by initiative of people all around the world. »

(IT)

« A differenza del nome (che comunque suona bene), è una versione distribuita di un sit-in pacifico. La metafora che meglio rappresenta il concetto di netstrike è la seguente: si immagini un numero di persone che cammina in un incrocio pedonale pieno di segnali e insegne, se il loro numero è veramente grande, potrebbero bloccare il traffico per un tempo significativo. Il primo obiettivo per un netstrike è stato un sito del governo francese che in quel periodo conduceva test nucleari nell'atollo di Mururoa. Da quel momento in poi sono stati effettuati infiniti netstrike, in alcuni casi da noi promossi, in molti altri, invece, su iniziativa di tutte le persone del mondo »

(the netstrike manifest)

Alcuni fra i principali netstrike proposti da gruppi di utenti italiani:

Metodologia di attacco[modifica | modifica wikitesto]

Principi dell'attacco[modifica | modifica wikitesto]

Un netstrike può avere o meno le seguenti caratteristiche:

  • Tipicamente il bersaglio viene avvisato che, in forma di protesta, un numero considerevole di utenti farà accesso al sito in un determinato giorno e in una determinata ora.
  • Questo attacco avviene ripetendo in maniera coatta il refresh della pagina in questione.
  • Altre volte vengono create delle pagine ad-hoc che simulano in maniera ripetitiva quest'azione.

In questo modo, le risorse della macchina che ospita il sito-target verranno presto saturate, rendendolo quindi inaccessibile.

Il problema principale nei Netstrike sono i proxy-server con cache web (o cached proxy). Infatti se il browser del computer è configurato in modo da ricaricare la cache locale è comunque possibile disattivare l'opzione in modo da rendere i refresh delle pagine efficaci. Tuttavia non è sempre possibile modificare le opzioni dei proxy-server poiché non è permesso accedere alla configurazione del server proxy (molto usati nelle reti aziendali, scolastiche e universitarie).

Per risolvere questo problema vengono spesso aggiunti dei parametri casuali simulando una query alla pagina o al file richiesto. Per fare questo è sufficiente concatenare all'indirizzo del file richiesto l'ora di sistema locale (ottenibile con uno script in javascript).

Esempio di attacco[modifica | modifica wikitesto]

Supponendo di voler caricare il file all'indirizzo: www.sito.com/file.jpg (che viene salvato nella cache dei proxy). Si può, invece, caricare il file: www.sito.com/file.jpg? (viene ricaricato a ogni richiesta).

Esempi:

  • www.sito.com/file.jpg?1150799123 (con timestamp UNIX)
  • www.sito.com/file.jpg?12/11/2006+10:11:41

Ovviamente il parametro (la data) dovrà essere aggiornata a ogni nuova richiesta della pagina o file remoto.

In alcuni casi si utilizza anche la funzione random di javascript per concatenare anche un numero casuale. Infatti con la data è possibile eseguire una nuova richiesta solo ogni secondo. il risultato completo è quindi:

  • www.sito.com/file.jpg?1150799123&736874 (timestamp UNIX e numero casuale successivo)

È da notare come in questo modo si superi automaticamente anche il problema di cache delle pagine nel browser locale, senza bisogno di cambiare la sua configurazione poiché la richiesta è comunque sempre verso a un file diverso.

Classe dell'attacco[modifica | modifica wikitesto]

Questo attacco appartiene alla classe degli attacchi denial of service (DoS, o in italiano negazione del servizio), più esattamente ai Distributed Denial of Service (DDoS, o negazione distribuita del servizio).

Aspetti legali[modifica | modifica wikitesto]

Limitandosi solamente a interrompere l'accessibilità del sito-target un attacco di questa tipologia difficilmente può essere considerato illegale dalla legislazione italiana, anche se l'articolo 617-quater del codice penale, prevede al primo comma: “Chiunque fraudolentemente intercetta comunicazioni relative a un sistema informatico o telematico o intercorrenti tra più sistemi, ovvero le impedisce o le interrompe, è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni. La condotta punita è da ravvedere in ogni attività diretta a far cessare una comunicazione informatica o telematica già iniziata (interruzione) ovvero in quella diretta a ostacolare l’inizio della comunicazione (impedimento)”.

Attualmente[quando?] in Italia nessuno è mai stato condannato per aver partecipato a questa forma di protesta in quanto non viene danneggiato il sito ma solo reso irraggiungibile temporaneamente.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Netstrike 13/11/08 | NO133
  2. ^ http://netstrikenbd.altervista.org/blog/

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sicurezza informatica Portale Sicurezza informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicurezza informatica