Morva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La morva è una malattia infettiva e contagiosa degli equini a decorso cronico, trasmissibile all'uomo, una malattia estremamente rara solitamente ad esito infausto.

Probabilmente fu la malattia che, nell'Iliade, Omero identifica con il morbo di Acheo.

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

È causata dal batterio Burkholderia mallei.

Clinica[modifica | modifica wikitesto]

Segni e sintomi[modifica | modifica wikitesto]

La morva ha incubazione di 3-5 giorni; provoca arrossamento e ulcerazione nel punto d'ingresso (frequente cute e mucosa nasale), con ingrossamento linfoghiandolare, brividi, malessere, nausea, vomito, dolori specialmente articolari; poi noduli metastatici prima duri, poi molli che si ulcerano in profondità (tendini e ossa), linfangiti, adeniti, edema facciale, pustole alle mucose nasali e orali con evoluzione in ulcere, diarrea, epatosplenomegalia, broncopolmonite.

Esami di laboratorio e strumentali[modifica | modifica wikitesto]

La diagnosi dell'infezione si ha con l'isolamento colturale del batterio o con l'inoculazione del materiale biologico sospetto in una cavia.

microbiologia Portale Microbiologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di microbiologia