Metatesi (linguistica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La metatesi (pronuncia: metàtesi, dal greco μετάθεσις, "trasposizione") è un processo di mutamento fonetico per cui l'ordine di successione di due fonemi viene rovesciato. Si verifica spesso in presenza di [r] e di [l] e talvolta l'inversione succede tra questi due suoni.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Questo fenomeno fonetico si verifica all'interno di una parola e ciò si deve al fatto che certi suoni sono attirati o rifiutati da altri. La metatesi può essere di due tipi:

Metatesi reciproca[modifica | modifica sorgente]

La metatesi reciproca si produce come scambio di due fonemi contigui. Talvolta tra le consonanti nasali, le consonanti vibranti e le consonanti laterali.

Esempi di metatesi reciproca[modifica | modifica sorgente]

Formazione di varianti di parole italiane:

  • Da palude > padule (toscano)
  • Da sizigia > sigizia (forma scorretta)

Dall'evoluzione del latino all'italiano si ha:

  • lat. āera > aira > aria (metatesi di r per vocale).[1]

Dall'evoluzione del latino varie forme dialettali:

  • loc. lat. de ĭntro > dentro (in italiano) ma in genovese: drento (/r/ per /l/).

Metatesi semplice[modifica | modifica sorgente]

Una sola consonante nasale, vibrante o laterale può cambiare posizione all'interno di una parola. La ragione di questo fenomeno si trova nell'inconsistenza di questi fonemi oppure la difficoltà di trovarsi a contatto con un altro suono dissimile nel segmento e la conseguente difficoltà da parte del parlante a pronunciarle. La consonante r è la più sensibile al cambiamento.

Esempi di metatesi semplice[modifica | modifica sorgente]

Dall'evoluzione del latino all'italiano si ha:

  • lat. cŏmula(m) > *comla > *cloma > chioma.[1]
  • lat. măgida(m) > maida > madia (metatesi di /d/ per vocale).[1]
  • lat. sĕmper > sempre (metatesi di /r/).[2]

In forme vive di vari dialetti mediani:

  • lat. pĕtra(m) > petra ("pietra").[1]> perda ("pietra" in sardo)
  • lat. căpra(m) > crava ("capra" in genovese).[3]
  • lat. cŏrvu(m) > crövo o cröo, per caduta della /v/ ("corvo" in genovese)[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d M. Dardano e P. Trifone, Grammatica italiana : con nozioni di linguistica, 3ª ed., Bologna, Zanichelli, 1999, ISBN 88-08-09384-0.
  2. ^ L'universale : la grande enciclopedia tematica, vol. 28, Torino, Unione Tipografico, 1988, ISBN 88300830528.
  3. ^ a b Metàtesi. URL consultato il 17-05-2008.
linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica