Metallo vile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'espressione metallo vile (in inglese base metal), in chimica e metallurgia, ci si riferisce a un metallo facile alla corrosione o all'ossidazione, in grado di reagire, in maniera più o meno intensa, con soluzioni diluite di acido cloridrico (HCl) per formare idrogeno. Il termine è usato comunemente in contrapposizione a metallo nobile.

Metalli vili sono il ferro, il piombo, lo zinco, il nickel e il rame, anche se quest'ultimo non reagisce con l'acido cloridrico.

In numismatica assume rilievo per il riconoscimento dei falsi e per le monete suberate.[1]

In alchimia i metalli vili erano rilevanti al fine di poterli trasmutare in oro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La contraffazione monetaria nel mondo antico, moruzzi.it. URL consultato il 7 marzo 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]