Massimo Montanari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Massimo Montanari.

Massimo Montanari (Imola, 1949) è uno storico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

È docente ordinario di Storia medievale presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Bologna, dove insegna anche Storia dell'alimentazione e dirige il Master europeo "Storia e cultura dell'alimentazione". Insegna anche all'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.

È ritenuto, a livello internazionale, uno dei maggiori specialisti di storia dell'alimentazione[1]. Ha dedicato le proprie attenzioni di studioso soprattutto a due filoni di ricerca, tra loro strettamente integrati: la storia agraria e la storia dell'alimentazione, intese come vie d'accesso preferenziali per una ricostruzione della società medievale nel suo insieme: strutture economiche e sociali (rapporti di lavoro, di potere, di proprietà), aspetti concreti e materiali della vita quotidiana, valori culturali e mentalità. Nell'ambito di tali ricerche hanno avuto speciale risonanza[2] i suoi studi sulla storia dell'alimentazione, intesa come storia a tutto campo che coinvolge i piani dell'economia, delle istituzioni e della cultura.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Gusti del Medioevo. I prodotti, la cucina, la tavola (Laterza 2012)
  • L'identità italiana in cucina (Laterza 2010)
  • Il riposo della Polpetta (Laterza 2009)
  • Il formaggio con le pere. La storia in un proverbio (Laterza 2008)
  • L'olmo, la quercia, il nido di gazze. Ricordo di Vito Fumagalli (a cura di) (CISAM 2007)
  • Il cibo come cultura (Laterza 2004)
  • Bologna grassa. La costruzione di un mito (a cura di) (CLUEB 2004)
  • Atlante dell'alimentazione e della gastronomia: Risorse, scambi, consumi-Cucine, pasti, convivialità, con Françoise Sabban (a cura di) (UTET 2004)
  • Imola, il comune, le piazze con Tiziana Lazzari (a cura di) (La Mandragora 2003)
  • Storia medievale, con Giuseppe Albertoni, Tiziana Lazzari e Giuliano Milani (Laterza 2002) ISBN 88-420-6540-4
  • Il mondo in cucina. Storia, identità, scambi, (a cura di) (Laterza 2002)
  • Medievistica italiana e storia agraria. Risultati e prospettive di una stagione storiografica. (Atti del convegno di Montalcino, 12-14 dicembre 1997), con Alfio Cortonesi (a cura di) (CLUEB 2001)
  • Per Vito Fumagalli. Terra, uomini, istituzioni medievali, con Augusto Vasina (a cura di)(CLUEB 2000)
  • Storia dell'Emilia-Romagna, con Maurizio Ridolfi e Renato Zangheri (a cura di) (Laterza 1999)
  • La cucina italiana. Storia di una cultura, con Alberto Capatti (Laterza 1999)
  • Storia dell'alimentazione, con Jean-Louis Flandrin (a cura di) (Laterza 1997)
  • Il pentolino magico (Laterza 1995)
  • Il bosco nel Medioevo, con Bruno Andreolli (a cura di) (CLUEB 1995)
  • Contadini di Romagna nel Medioevo (CLUEB 1994)
  • La fame e l'abbondanza. Storia dell'alimentazione in Europa (Laterza 1993)
  • Convivio oggi. Storia e cultura dei piaceri della tavola nell'età contemporanea (Laterza 1992)
  • Nuovo convivio. Storia e cultura dei piaceri della tavola nell'età moderna (Laterza 1991)
  • Convivio. Storia e cultura dei piaceri della tavola dall'antichità al Medioevo (Laterza 1989)
  • Alimentazione e cultura nel Medioevo (Laterza 1988)
  • Contadini e città tra «Longobardia» e «Romania» (Salimbeni 1988)
  • Le campagne italiane prima e dopo il mille. Una società in trasformazione, con Bruno Andreolli e Vito Fumagalli (a cura di) (CLUEB 1985)
  • Campagne medievali. Strutture produttive, rapporti di lavoro, sistemi alimentari (Einaudi 1984)
  • L'azienda curtense in Italia. Proprietà della terra e lavoro contadino nei secoli VIII-XI, con Bruno Andreolli (CLUEB 1983)
  • Porci e porcari nel Medioevo. Paesaggio. Economia. Alimentazione. Catalogo della mostra, San Marino di Bentivoglio, con Marina Baruzzi (CLUEB 1981)
  • L'alimentazione contadina nell'alto Medioevo (Liguori 1979)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Wise Society DegustiBO Provincia di Bologna
  2. ^ Geoff Andrews - Slow Food, la sfida delle identità al disgusto globale

Controllo di autorità VIAF: 19692969 LCCN: n81065223 SBN: IT\ICCU\MILV\003874

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie