Massacro di Akihabara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Il luogo della strage.

Il massacro di Akihabara (秋葉原通り魔事件 Akihabara tōrima jiken?) è stata una carneficina avvenuta l'8 giugno 2008 nel quartiere di Akihabara a Tokyo, all'incrocio di due importanti strade, Chūō-dōri e Kanda Myōjin-dōri, presso uno dei numerosi centri commerciali di articoli elettronici, videogames e fumetti che sono presenti nel quartiere.

In pieno giorno, un uomo alla guida di un furgoncino Isuzu penetrò tra la folla di pedoni, travolgendo alcuni passanti. Scese quindi dal veicolo accoltellando chiunque si trovasse sul suo cammino. Vi furono in tutto 7 morti, sei uomini e una donna, e 18 feriti.[1]

Fu arrestato con l'accusa di omicidio il venticinquenne Tomohiro Katō, sofferente di depressione, probabilmente scaturita per un annunciato licenziamento[senza fonte]. Dopo l'attacco furono scoperti dei messaggi su internet dell'aggressore, che rivelavano l'intenzione di compiere una strage in quel quartiere.[senza fonte]

Il massacro, avvenuto esattamente sette anni dopo la strage di Osaka, nella quale un uomo affetto da squilibri psichici uccise 8 bambini[2], destò un profondo shock in tutto il Giappone; da numerose parti si sollevarono voci riguardo alla necessità di rivedere le leggi per la "detenzione di coltelli simili a quello usato per la strage", in seguito alle affermazione della stampa locale secondo cui la strage sarebbe stata perpetrata con "coltelli alla Rambo" (Survival knife), quando in realtà le armi utilizzate dall'assassino, Tomohiro Katō (加藤 智大 ,Katō Tomohiro), erano uno stiletto ed un coltello da cucina.

Nomi delle vittime[modifica | modifica sorgente]

  • Kazunori Fujino (藤野和倫, 19 anni)
  • Takahiro Kawaguchi (川口隆裕, 19 anni)
  • Katsuhiko Nakamura (中村勝彦, 74 anni)
  • Naoki Miyamoto (宮本直樹, 31 anni)
  • Mitsuru Matsui (松井満, 33 anni)
  • Kazuhiro Koiwa (小岩和弘, 47 anni)
  • Mai Muto (武藤舞, 21 anni)

[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La Repubblica, 9 giugno 2008.
  2. ^ La Repubblica, 9 giugno 2008.
  3. ^ 「あまりに突然…」無念の涙, Asahi Shinbun, 2008-06-09

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]