Martin Matsbo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Martin Matsbo
Martin Matsbo.jpg
Martin Matsbo in gara nel 1935
Dati biografici
Nome Martin Johannes Matsbo
Nazionalità Svezia Svezia
Sci nordico Cross country skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Pattuglia militare, sci di fondo
Squadra IFK Hedemora
Ritirato 1941
Palmarès
Olimpiadi 0 0 1
Mondiali 0 0 3
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Martin Johannes Matsbo (Hedemora, 4 ottobre 1911Södertälje, 6 settembre 2002) è stato un fondista e sciatore di pattuglia militare svedese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Carriera sciistica[modifica | modifica sorgente]

Ai Mondiali del 1935 vinse la medaglia di bronzo nella staffetta 4x10 km insieme a Halvar Moritz, Erik Larsson e Nils-Joel Englund, con il tempo di 2:46:53; nella 18 km fu quinto e nella 50 km sesto. L'anno dopo ai IV Giochi olimpici invernali di Garmisch-Partenkirchen 1936 ottenne il medesimo risultato nella staffetta insieme a Erik Larsson, Arthur Häggblad e John Berger, con il tempo di 2:43:03,0 (suo tempo personale, 40:01), dietro alle compagini norvegese e finlandese; nella 18 km fu quarto.

Nel 1937 si impose nella 18 km del Trofeo Holmenkollen[senza fonte]. Vinse un'altra medaglia di bronzo, sempre nella staffetta 4x10 km, ai Mondiali del 1938 con Sven Hansson, Donald Johansson e Sigurd Nilsson, segnando un tempo collettivo di 2:43:05; nella 18 km fu quarto.

Matsbo vinse anche un oro nella pattuglia militare ai "Mondiali" del 1941, in seguito dichiarati nulli dalla FIS, in squadra con Wilhelm Hjukström, Nils Östensson e Gösta Andersson[senza fonte].

Altre attività[modifica | modifica sorgente]

Matsbo fu anche uno dei fondatori della Swix, azienda norvegese produttrice di attrezzature per lo sci fondata nel 1946[1].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Olimpiadi[modifica | modifica sorgente]

Mondiali[modifica | modifica sorgente]

  • 2 medaglie, oltre a quella conquistata in sede olimpica e valida anche ai fini iridati:

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) "Swix Milestones" sul sito dell'azienda. URL consultato il 27 dicembre 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]