Mariken van Nieumeghen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Immagine presente nell'opera Mariken van Nieumeghen stampata ad Aversa nel 1518

Mariken van Nieumeghen, noto anche come Mariken van Nimwegen è un testo dell'antica letteratura olandese. È stato composto intorno al 1500 da un anonimo e stampato per la prima volta nel 1518 ad Anversa.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La storia narra il patto della "strega" Mariken con il diavolo Moenen per soddisfare il desiderio di conoscenza e sapienza. Si tratta del medesimo desiderio che tenta il Faust di Goethe. Il diavolo appartiene a un gruppo di vagabondi che frequenta osterie, andando da un paese all'altro. Il patto con il diavolo dura 7 anni. Mariken e il diavolo capitano a Nimega proprio nel giorno della solenne processione durante la quale è rappresentato un "Wagenspiel", cioè un dramma che si recita su un carro. Si tratta di un dramma all'interno di un dramma: uno dei primi esempi letterari con questo procedimento. Il diavolo si lamenta di essere trattato peggio dell'uomo che qualche volta non lo meriterebbe, e infine ottiene la promessa che Dio in futuro si comporterà più severamente con l'uomo. A questo punto entra in scena la Vergine Maria che ricorda a Dio le parole con cui ha deciso di perdonare al peccatore pentito e sconfigge il diavolo. Mariken che assiste alla rappresentazione, si ravvede e sfugge al diavolo che inutilmente tenta di farla dannare. Grazie all'intervento della Vergine Maria, ella è salva.