Magiae naturalis sive de miraculis rerum naturalium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Magiae naturalis sive de miraculis rerum naturalium
Autore Giovanni Battista Della Porta
1ª ed. originale 1584
Genere trattato
Lingua originale latino
Frontespizio dell'edizione inglese pubblicata a Londra nel 1658

Magiae naturalis sive de miraculis rerum naturalium è un'opera di Giovanni Battista Della Porta.

Come dice lo stesso autore nella prefazione, l'opera, originariamente in quattro volumi, era stata scritta all'età di quindici anni. Successivamente ebbe nuove edizioni, nelle quali la mole si accrebbe fino a venti volumi, e fu compendiata in un volume unico nel 1584: questo compendio fu largamente diffuso e fu tradotto dal latino nelle principali lingue europee.

L'opera si occupa di scienza popolare, cosmologia, geologia, ottica, prodotti delle piante, medicine, veleni, cucina, cambiamenti chimici dei metalli, distillazione, colorazione del vetro, smalti e ceramiche, proprietà magnetiche, cosmetici, polvere da sparo, crittografia. Vi si citano autori antichi, come Aristotele e Teofrasto, ma ugualmente le conoscenze contemporanee. Si tratta tuttavia di una compilazione scolastica, non basata su una propria attività di ricerca, ma sullo studio degli autori antichi e moderni. In una delle edizioni successive alla prima descrisse una camera oscura dotata di una lente convessa e sebbene non ne fosse l'inventore, la popolarità della sua opera ne accrebbe la conoscenza.

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura