Le vite perdute di Christopher Chant

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le vite perdute di Christopher Chant
Titolo originale The Lives of Christopher Chant
Autore Diana Wynne Jones
1ª ed. originale 1988
1ª ed. italiana 2001
Genere romanzo
Sottogenere fantasy
Lingua originale inglese

Le vite perdute di Christopher Chant (The Lives of Christopher Chant, 1988) è un romanzo fantasy realizzato dalla scrittrice britannica Diana Wynne Jones. Destinato al mercato dei libri per ragazzi, è il secondo romanzo della serie Chrestomanci, potenti incantatori dalle nove vite in grado di spostarsi tra mondi paralleli.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La storia narra dell'apprendistato del protagonista, il giovane Cristopher Chant, che inizialmente ignaro di essere un futuro mago viene esortato a lasciare la sua propensione per il cricket per avviare un lungo e noioso percorso che lo inizierà a comprendere la sua natura. Nella narrazione Cristopher dovrà affrontare l'estinguersi, l'una dopo l'altra, delle proprie nove vite cercando di scoprire chi, conoscendo i suoi poteri magici, intende servirsi di lui in un oscuro piano.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura