Landnámabók

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una pagina di un manoscritto in pergamena del Landnámabók, conservato nell'Istituto Árni Magnússon di Reykjavík, Islanda.

Il Landnámabók (che in islandese significa Libro dell'Insediamento), spesso abbreviato in Landnáma, è un manoscritto anonimo medievale islandese che descrive in dettaglio la colonizzazione dell'Islanda da parte dei Vichinghi nel IX e nel X secolo. Esso è una delle prime opere della letteratura islandese, ed è la fonte più preziosa esistente (insieme all'Íslendingabók) sull'Epoca della Colonizzazione islandese (870/4-930).

Il Landnámabók comincia con il primo insediamento nella baia di Reykjavík di Ingólfr Arnarson, che reclamò tutta la terra circostante (la penisola oggi chiamata Reykjanes) fino ai fiumi Ölfusá, Öxará e Brynjudalsá. Poi il manoscritto passa a descrivere i discendenti dei coloni originari e gli eventi più importanti della storia delle varie famiglie durante il XII secolo: più di 3000 persone e di 1400 insediamenti vengono menzionati; il Landnámabók elenca anche i nomi dei 435 uomini ritenuti i coloni iniziali, collocandone la maggior parte nelle zone settentrionale e sud-occidentale dell'isola. Il Landnámabók rimane un'importantissima fonte, oltre che sulla storia, anche sulla genealogia della popolazione islandese.

Tre sono le versioni originali del Landnámabók sopravvissute fino a noi:

Altre due versioni del Landnámabók, compilate in età moderna, sono giunte a noi:

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]