La mummia (film 1969)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La mummia
Titolo originale al-Mūmiyāʾ
Lingua originale arabo
Paese di produzione Egitto
Anno 1969
Durata 102 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Chadi Abdel Salam
Sceneggiatura Chadi Abdel Salam
Fotografia Abdel Aziz Fahmy
Montaggio Kamal Abul Ela
Musiche Mario Nascimbene
Scenografia Salah Marei
Interpreti e personaggi

La mummia è un film egiziano diretto nel 1969 da Chadi Abdel Salam.

Il film è tra i miglior 100 film della storia della cinematografia Egiziana, occupa la posizione numero 58.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Verso la metà dell'Ottocento un egittologo si accorge delle depredazioni delle Tombe dei Faraoni presso Tebe. Organizzata una spedizione, l'uomo scoprirà che a Luxor dei membri di una tribù vivono da secoli commettendo questi furti e quando il loro capo muore i suoi due figli eredi si rifiutano di continuare le scorrerie.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Critica[modifica | modifica sorgente]

La mummia annunzia la nascita di un autore che esprime la sua visione del mondo con un suo stile particolare. Il film è stato prodotto dal settore pubblico e rappresenta il più grande successo riportato da un film egiziano all'estero, in Europa in particolare. La mummia narra la crisi di un giovane dell'Alto Egitto, che si sente diviso tra il retaggio dei suoi avi e il futuro che gli si profila davanti. Il giovane risolve il suo dilemma e Abdel Salam conclude il film ripetendo le parole del faraone già pronunziate all'inizio: "Alzati, tu non morirai. Sei stato chiamato per nome. Sei resuscitato". La mummia potrebbe rappresentare un'esperienza unica e irripetibile[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Samir Farid, Cinema dei paesi arabi, Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro (1976) - pag. 208

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema