L'uomo con l'ascia di New Orleans

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'uomo con l'ascia di New Orleans
Axeman Map New Orleans March 1919.jpg
Mappa contemporanea con i luoghi dei delitti.
Vittime accertate 8
Periodo omicidi 22 maggio 1918 - 27 ottobre 1919
Luoghi colpiti Louisiana,
Stati Uniti Stati Uniti
Metodi uccisione colpo di un'ascia o di un rasoio
Arresto mai arrestato
Provvedimenti

L'uomo con l'ascia di New Orleans (in inglese: The Axeman of New Orleans) è stato un assassino seriale statunitense che agì a New Orleans, Louisiana e nelle comunità adiacenti da maggio 1918 ad ottobre 1919. Rapporti della stampa del tempo menzionarono i crimini come commessi nel 1911, ma studi recenti mettono in dubbio questi rapporti.[1]

Contesto[modifica | modifica wikitesto]

Come suggerisce lo pseudonimo, le vittime venivano aggredite con un'ascia, spesso appartenuta a loro stesse.[2] Il tratto comune che connetteva tutti gli omicidi era la maniera nella quale vennero commessi i crimini. Nella maggior parte dei casi, veniva forzata la porta posteriore della casa ed in seguito gli abitanti venivano colpiti con un'ascia o un rasoio. I crimini non erano ovviamente rapine, poiché l'aggressore non prendeva nulla dalle case delle sue vittime.[3]

"L'uomo con l'ascia" prendeva di mira una varietà di vittime, la maggior parte delle quali erano italoamericani, portando molti a credere che i crimini potessero essere a sfondo razziale. I media sensazionalizzarono il numero delle vittime italoamericane, arrivando a sospettare il coinvolgimento della Mafia, nonostante l'insufficienza di prove. Alcuni esperti della criminalità suggerirono che i delitti erano a sfondo sessuale e che l'assassino era un sadico alla ricerca di vittime femminili. I criminologi Collin e Damon Wilson ipotizzarono che l'assassino uccideva vittime di sesso maschile solo quando gli impedivano di uccidere le donne, poiché in alcuni casi veniva uccisa la donna ma non l'uomo. Una teoria meno probabile è che l'assassino commise gli omicidi tentando di pubblicizzare la musica jazz, poiché nella sua famosa lettera dichiarò che avrebbe risparmiato la vita di quelli che suonavano il jazz nelle loro case.[4]

"L'uomo con l'ascia" non venne mai catturato o identificato ed i suoi crimini cessarono misteriosamente come erano iniziati. L'identità dell'assassino rimase sconosciuta sebbene siano state prospettate varie possibili identificazioni più o meno plausibili. Il 13 maggio 1919, fu pubblicata sui giornali una lettera presumibilmente inviata da "l'uomo con l'ascia", in cui l'autore dichiarava che avrebbe ucciso di nuovo un quarto dopo la mezzanotte del 19 maggio 1919, ma avrebbe risparmiato gente che si sarebbe trovata in luoghi dove si suonava il jazz. Quella notte tutte le sale da ballo di New Orleans registrarono il tutto esaurito ma non furono commessi omicidi.[5]

Nessuno si lasciò impaurire dal proclama de "l'uomo con l'ascia". Alcuni cittadini ben armati inviarono al giornale inviti a visitare le loro case quella notte per vedere chi moriva prima. In uno degli inviti l'autore promise di lasciare una finestra aperta all'assassino, chiedendogli cortesemente di non danneggiare la porta.

Vittime[modifica | modifica wikitesto]

  • Joseph Maggio e sua moglie Catherine Maggio, uccisi mentre dormivano il 22 maggio 1918.
  • Louis Besumer e Harriet Lowe, aggrediti il 27 giugno 1918. Lowe morì in ospedale il 5 agosto.
  • Mrs. Schneider, donna di 28 anni all'ottavo mese di gravidanza, fu aggredita il 5 agosto 1918 e diede alla luce una sana bambina due giorni dopo.
  • Joseph Romano, un vecchio, aggredito il 10 agosto 1918, morì due giorni dopo.
  • Charles Cortimiglia, sua moglie Rosie Cortimiglia e la loro figlia di due anni Mary Cortimiglia, vennero aggrediti il 10 marzo 1919 mentre dormivano. La bambina morì a causa delle ferite.
  • Steve Boca, un droghiere, colpito nella sua camera da letto mentre dormiva il 10 agosto 1919.
  • Sarah Laumann, donna di 19 anni, venne aggredita la notte del 3 settembre 1919. Recuperò dopo l'aggressione, ma non riuscì a ricordare nessun dettaglio.
  • Mike Pepitone, ucciso la notte del 27 ottobre 1919.

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Copertina dello spartito della canzone The Mysterious Axman's Jazz (Don't Scare Me Papa)
  • Nel 1919 Joseph John Davilla, un componista locale, scrisse la canzone The Mysterious Axman's Jazz (Don't Scare Me Papa). Sulla copertina era rappresentata una famiglia dalle facce spaventate, mentre suonava.
  • Il libro Gumbo Ya-Ya, A Collection of Louisiana Folk Tales include un capitolo sull'Axeman chiamato "Axeman's Jazz", che parla degli omicidi. Il libro riproduce la copertina della canzone del 1919.
  • La scrittrice Julie Smith ha utilizzato una versione romanzata degli eventi nel suo libro The Axeman Jazz, pubblicato nel 1991.
  • Le uccisioni dell'Axeman sono anche riferite nel racconto di Poppy Z. Brite Mussolini and the Axeman's Jazz, pubblicato nel 1997.
  • Il gruppo musicale rock australiano Beasts of Bourbon ha pubblicato un album intitolato The Axeman's Jazz nel 1984.
  • Nel romanzo Cavie di Chuck Palahniuk del 2005, è menzionato l'Axeman.
  • L'uomo con l'ascia è uno dei personaggi della terza stagione di American Horror Story, interpretato da Danny Huston.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hélèna Katz, Cold Cases: Famous Unsolved Mysteries, Crimes, and Disappearances in America, Santa Barbara, California, ABC-CLIO, LLC, 2010, p. 55.
  2. ^ Cameron Gibson, Serial Murder and Media Circuses, Westport, CT, Greenwood Publishing, 2006, pp. 15–16.
  3. ^ Cameron Gibson, Serial Murder and Media Circuses, Westport, CT, Greenwood Publishing, 2006, p. 21.
  4. ^ Cameron Gibson, Serial Murder and Media Circuses, Westport, CT, Greenwood Publishing, 2006, pp. 20.
  5. ^ Hélèna Katz, Cold Cases: Famous Unsolved Mysteries, Crimes, and Disappearances in America, Santa Barbara, California, ABC-CLIO, LLC, 2010, p. 59.