Kvabebihyrax kachethicus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Kvabebiirace
Immagine di Kvabebihyrax kachethicus mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Hyracoidea
Famiglia Pliohyracidae
Genere Kvabebihyrax
Specie K. kachethicus
Nomenclatura binomiale
Kvabebihyrax kachethicus
Gabunia & Vekua, 1966

Lo kvabebiirace (Kvabebihyrax kachethicus Gabunia & Vekua, 1966) è un mammifero estinto appartenente agli iracoidi (Hyracoidea). Visse nel Pliocene superiore (circa 3 milioni di anni fa). I suoi resti fossili sono stati ritrovati nella zona del Caucaso, in Georgia.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Nonostante fosse imparentato con gli attuali iraci, questo animale aveva un aspetto completamente diverso da quello dei suoi parenti. Il corpo era robusto, lungo circa un metro e sessanta e dotato di zampe robuste. Il cranio, in particolare, era decisamente specializzato: le orbite erano sporgenti verso l'alto (e quindi gli occhi erano posizionati in alto sul cranio, come negli ippopotami), mentre il muso corto era dotato di due incisivi lunghi e robusti sporgenti verso il basso. Un altro paio di incisivi, posizionati sulla mandibola, erano piatti e andavano a formare una struttura ad incastro con il paio superiore quando le mascelle si chiudevano.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Il kvabebiirace è un rappresentante dei plioiracidi (Pliohyracidae), una famiglia di iraci estinti solitamente di grandi dimensioni, che si diffusero nel corso dell'era Terziaria per poi estinguersi a fine Pliocene. Kvabebihyrax era una delle ultime forme, e anche una delle più specializzate. I suoi resti furono descritti per la prima volta nel 1966 da Gabunia e Vekua. Questo animale è ritenuto uno stretto parente di Pliohyrax e Prohyrax, altre forme dalla corporatura robusta.

Stile di vita[modifica | modifica sorgente]

Questo animale possedeva adattamenti scheletrici che richiamano quelli di alcuni mammiferi semiacquatici: in particolare, il cranio assomiglia a quello degli ippopotami. È possibile, quindi, che Kvabebihyrax fosse un animale abituato a vivere in fiumi e acquitrini, e che si nutrisse dei vegetali acquatici.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Rasmussen, D. T., 1989: The evolution of the Hyracoidea: A review of the fossil evidence. 57-78 in Prothero, D. R. & Schoch, R. M., (eds.) 1989: The Evolution of Perissodactyls. Oxford University Press, New York, New York & Oxford, England, 1989, ix-537