Kordun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La regione Kordun o Cordone è una parte del centro della Croazia, dal fondo della Petrova Gora (montagna Pietro) catena montuosa, che si estende lungo i fiumi Korana e Slunjčica, e fa parte della regione di confine con la Bosnia-Erzegovina. Il confine meridionale del Kordun tocca la regione Lika. La maggior parte del Kordun con il suo centro Slunj appartiene alla Contea di Karlovac (Slunj, Cetingrad, Krnjak, Rakovica e Vojnić). Mentre Gvozd appartiene alla Contea di Sisak-Moslavina. In passato, questa regione apparteneva alla Frontiera militare degli Asburgo verso l'Impero Ottomano.

La zona è ricca di risorse di legno. Durante la guerra croata di indipendenza nel 1990, la regione subì ingenti danni di guerra e gran parte della popolazione croata fuggì, cacciata via dalle unità paramilitari serbe. La regione, insieme ad altre parti della Croazia fu occupata dall'esercito serbo-croato nel 1991 fino a quando il nuovo esercito croato riconquistò il territorio nel 1995. Oggi, la situazione economica sta lentamente migliorando, ma c'è ancora una tendenza di grande emigrazione dalla regione alle grandi città.

Un tipico fenomeno di questa regione è la porosa composizione del suolo carsico (costituito da calcare), che crea numerosi crateri come doline (valle, in croato dolina). Esistono anche molti sistemi fluviali sotterranei, di cui molti non sono stati ancora scoperti o che ancora hanno bisogno di un esame approfondito. Inoltre, il suolo tipico della regione Kordun è la terra di colore rosso (Terra rossa).