Kayan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il comune del Burkina Faso, vedi Kayan (Burkina Faso).
Una donna Kayan del nord della Thailandia

I Kayan sono una etnia della popolazione Karenni, una minoranza di lingua tibeto-birmana. Sono anche chiamati Padaung. Nel 1990 a causa di un conflitto con il regime militare birmano, molte tribù si sono rifugiate in Thailandia. Esse vivono adesso con uno status legale incerto nei villaggi di confine, vivendo soprattutto con il turismo dovuto al tipico costume delle donne Kayan: gli anelli da collo.

Si stima la popolazione kayana in 7000 membri.

Le donne giraffa[modifica | modifica wikitesto]

In Italia sono conosciute con questo nome, dovuto alle modifiche fisiche provocate da una spirale di ottone portata fin dall'infanzia, dall'età di cinque anni; la scelta di portare la spirale è completamente volontaria e viene richiesta dalle bambine alle proprie madri[1]. Successivamente la spirale viene sostituita con altre di dimensioni sempre maggiori fino a che la pressione non provoca uno slittamento della clavicola e una compressione della gabbia toracica.

Una bambina Kayan del nord della Thailandia

Diversamente da quanto ritenuto, il collo non è allungato, ma sono invece le spalle che scendono: l'illusione è creata solo dalla deformazione della clavicola. Le donne adulte possono indossare fino a 25 anelli. Alcune di loro oltre al collo li portano anche alle gambe. Un altro soprannome che viene loro attribuito è: "donne cigno".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Puntata 1×01 di The Price Of Beauty di Jessica Simpson.

Martino Nicoletti, Lo zoo delle Donne giraffa, un viaggio tra i Kayan nella Tailandia del nord (con DVD), Exòrma Edizioni, Roma 2011

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]