Ndebele

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Ndebele (disambigua).
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Popolo}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Guerrieri Ndebele in un acquarello del 1835

Gli Ndebele, o amaNdebele, sono un popolo che appartiene al più ampio gruppo degli Ngoni, stanziati nell'Africa meridionale. Sebbene la loro origine sia avvolta nel mistero, essi vengono considerati imparentati con gli Swazi, che alla fine del XVIII secolo hanno costituito un proprio stato di stampo monarchico che tuttora sopravvive, e gli Zulu, un clan che ha avuto molta fortuna politica e militare nel XIX secolo, scompaginando la struttura antropica delle popolazioni a settentrione del fiume Vaal.

Gli Ndebele sono una delle due etnie principali dello Zimbabwe (con gli Shona), e grazie al forte senso di identità sociale e al valore attribuito ai legami di parentela, sono riusciti a mantenere le proprie tradizioni.

I villaggi presentano ancora l'antica struttura e sono costituiti da capanne di fasci di erbe e di legname in forma di arnia, una robusta siepe preserva l'abitato dalle incursioni di bestie selvatiche. In genere, si scelgono, per gli insediamenti, le sommità di colline ricche di acqua e di alberi, di pascoli e di fertili terreni.

L'abbigliamento, soprattutto in occasioni lavorative, segue fogge europee, mentre nelle feste torna quello di un tempo: i guerrieri sfoggiano tenute complicate ricche di piume, pelli di animali selvaggi, collane e bracciali di perle di vetro o di metallo; le donne, se molto giovani, si limitano a un piccolo grembiule di pelle, se sposate indossano una vera e propria gonna di pelle di bue trattata internamente con grasso animale

Artigiani molto esperti, gli Ndebele lavorano pelle e cuoio con abilità, ricavandone mantelli, grembiuli, sacche, scudi, accessori per le abitazioni.

Religione e struttura sociale[modifica | modifica wikitesto]

La religione Ndebele rispecchia la suddivisione sociale di questo popolo che annovera tre grandi gruppi:

  • Zansi
  • Enhla
  • Hole

Queste tre caste sono strutturate in maniera gerarchica ed hanno ognuna le proprie credenze ed i loro privilegi. La casta Zansi rappresenta il gruppo dei discendenti dei primi seguaci del re Mzilikazi che lo seguirono nel loro esilio dallo Zululand. Essi rappresentano il gruppo più esiguo numericamente ma possono essere considerati l'aristocrazia del popolo Ndebele. Essi si suddividono in diversi clan, ognuno con il proprio leader ed ognuno con il proprio totem.

La casta al di sotto degli Zansi è quella degli Enhla, essi rappresentano il gruppo di discendenti delle popolazioni sottomesse da Mzilikazi durante il suo esodo prima di giungere nel territorio dello Zimbabwe, e che vennero poi assorbiti dagli Ndebele; gran parte di loro ha origine dalle tribù Sotho, Venda e Tswana.

L'ultima casta nella scala sociale, ma anche la più numerosa, è quella degli Hole che si suddivide ulteriormente in due gruppi ben distinti. Il primo gruppo contiene i discendenti delle tribù di coloro che si sottomisero volontariamente ai sovrani Ndebele per sfuggire alla minaccia di tribù rivali. Il secondo gruppo annovera i discendenti dei prigionieri di guerra e i giovani dati in tributo di vassallaggio alla tribù Ndebele.

Sebbene siano il gruppo meno privilegiato, l'ampiezza degli Hole ha permesso loro di influenzare notevolmente la cultura e la religione del popolo Ndebele, nonostante sia appannaggio e privilegio degli Zansi preservare e tramandare i valori culturali e religiosi del popolo Ndebele.

Nella religione Ndebele il sovrano viene considerato il sommo sacerdote mentre i capi dei vari clan non hanno altra funzione religiosa se non quella di fungere da sacerdoti unicamente per il proprio gruppo. La funzione di mediatore tra il mondo del sacro e quello del mondo terreno è esclusivo appannaggio del re.

Il culto degli antenati[modifica | modifica wikitesto]

Secondo le credenze Ndebele, esiste un unico creatore, uNkulunkulu, considerato il primo uomo, sorto con la sua compagna, Mvelengani, dalla terra per abitare una sorta di Eden primitivo pieno di bestiame e di grano in abbondanza. Il primo uomo e la prima donna prosperarono e si moltiplicarono e, dopo aver trasmesso ai loro discendenti i loro valori, invecchiarono e tornarono alla terra da dove erano venuto dopo essersi trasformati in serpenti.

La casta degli Zansi, pur possedendo la nozione di una divinità ultraterrena non la distingue dal culto dei primi antenati, chiamati amadlozi, tuttavia, forse anche per l'influenza del Cristianesimo, essi hanno tramutato gli amadlozi in mediatori tra i mortali e l'Essere Supremo. Gli amadlozi sono considerati degli esseri molto potenti, ed hanno la funzione di sorvegliare e proteggere i loro familiari che vivono nel mondo materiale. Essi però richiedono un tributo di fede e di rispetto che comporta pene molto severe a chi contravviene. Anche tra questi spiriti esiste una gerarchi ben precisa che rispetta quella delle varie classi sociali, per questo motivo ogni capofamiglia Zansi ha il suo amadlozi, il quale può esercitare i suoi poteri ed i suoi compiti esclusivamente sulla sua famiglia di appartenenza. L'unica eccezione a questa regola è concessa allo spirito ancestrale del sovrano, il quale ha il compito di presidiare e proteggere l'intera nazione Ndebele.

Il rito più importante legato al culto degli antenati è quello del Ukuhlanziswa (purificazione). Gli Zansi affermano che la morte di un individuo rappresenti fonte di disgrazia ai suoi parenti più prossimi, e che questi oscuri influssi possano essere trasmessi in una catena ininterrotta, e che per questo motivo sia necessario un rituale di purificazione prima che il defunto venga seppellito.

La credenza vuole che dopo un anno dalla sepoltura, lo spirito del defunto, che non si è distaccato dal suo nucleo familiare, si manifesti ai suoi parenti in forma di serpente o appaia loro in sogno. Per evitare che lo spirito inquieto possa arrecare danni alla sua stessa famiglia, il capo famiglia deve officiare il rito del Ukubuyisa (ritorno a casa), con il quale ci si propizia il defunto con l'offerta di un bue, la cui carne viene lasciata una notte intera in segno di tributo per lo spirito, ed il mattino successivo viene mangiata in una grande festa dove si celebra l'unione dello spirito dei defunti con il gruppo degli antenati, diventando anch'egli oggetto di culto.

Struttura sociale[modifica | modifica wikitesto]

La struttura sociale degli Ndebele rispecchia molto quella dei loro cugini Zulu. L'autorità su ogni tribù viene assunta da un capo, denominato ikozi, che viene coadiuvato da un gruppo di consiglieri anziani di nome amaphakathi.

Il nucleo residenziale di ogni famiglia viene chiamato umuzi ed ogni umuzi è composto dal capo famiglia, umnumzana, da sua moglie e dai suoi discendenti non sposati. A volte questa struttura molto elementare dell'umuzi può diventare più complessa quando ad esso si uniscono i nuclei familiari dei figli sposati. In ogni caso ogni umuzi si identifica con il suo lignaggio proveniente dall'antenato ancestrale.

Produzione artistica[modifica | modifica wikitesto]

Le pitture murali Ndebele

Gli Ndebele hanno elaborato una forma particolare e specifica di pittura murale a larghi motivi geometrici e dai colori brillanti, con campi monocromatici incorniciati e una prospettiva unicamente bidimensionale. Le artiste che la praticano sono donne e le opere vengono dipinte sui muri esterni delle case. A volte vengono affrescati anche i muri interni.

La pittura murale Ndebele ha un forte valore simbolico ed è strettamente legata alla casa ed al rapporto della persona con essa. Al momento del matrimonio gli uomini erigono la casa con terra impastata e sterco di vacca. Le donne affrescano le pareti esterne e talvolta anche quelle interne con ricchi motivi geometrici che hanno appresi da ragazze, durante il loro tirocinio presso le donne della loro famiglia. Gli affreschi vengono modificati e ridipinti in momenti particolari della vita di famiglia: ai riti di iniziazione dei figli maschi o prima del raccolto e della stagione dei matrimoni.

Questa forma d'arte si è sviluppata nella seconda metà del XIX secolo, epoca in cui cominciarono a divenire più frequenti le case in mattoni di fango in sostituzione delle più consuete case di paglia. Il re Nyabela valorizzò questa nuova forma d'arte, specifica del suo popolo come strumento di identità e coesione della sua gente, soprattutto durante la guerra anglo-boera. Nyabela venne imprigionato dai Boeri nel 1887 mentre gli Ndebele venivano espropriati delle loro terre. Queste vennero distribuite ai Boeri nelle cui fattorie gli sconfitti furono costretti a lavorare in condizione di semischiavitù. I dispersi videro i legami di famiglia, di clan e con il loro territorio spezzarsi. Mantennero l'uso della lingua IsiNdebele, i riti, i costumi e la propria forma d'arte come mezzo di affermazione della propria identità e di resistenza alla deportazione. Tutt'oggi la pittura murale è molto diffusa anche se spesso non usa più i tradizionali colori naturali, ma colori sintetici, più resistenti alle piogge e più brillanti.
Le pitture Ndebele hanno ispirato fotografi e artisti occidentali, tra cui lo scultore Pietro Scampini.

Costumi[modifica | modifica wikitesto]

Donne Ndebele in abbigliamento tradizionale

Le donne Ndebele si abbigliano tradizionalmente con ornamenti ed abiti che simbolizzano il loro status sociale di appartenenza. Dopo il matrimonio, le fogge dei vestiti diventano sempre più complesse e variegate; nella fase iniziale del legame matrimoniale la donna deve indossare anelli di bronzo e rame sia alle braccia che alle gambe che al collo, simbolizzando il loro legame e la loro fedeltà al marito dal momento della costruzione della loro casa.

Questi simboli esteriori possono essere rimossi solo in caso di morte del coniuge. Gli anelli, chiamati idzila, sono considerati portatori di grande valore simbolico, per cui più è ricco ed elaborato l'idzila e più è importante chi lo porta e chi lo fornisce. Tuttavia, nel corso del tempo, fra le popolazioni più giovani questa usanza di indossare per tutta la vita gli idzila sta progressivamente svanendo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pietro Scampini+Ndebele. La forma incontra il colore, Milano, Grafiche Aurora, 2005. ISBN 8886899270.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]