Joyce DeWitt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joyce Anne DeWitt

Joyce Anne DeWitt (Wheeling, 23 aprile 1949) è un'attrice statunitense.

È famosa per aver interpretato il personaggio di Janet Wood nella sit-com Tre cuori in affitto dal 1977 al 1984, successivamente la sua carriera d'attrice è proseguita in tono minore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

La DeWitt iniziò la carriera nello spettacolo all'età di 13 anni.[1] Mentre frequentava l'università, lavorò come segretaria fino al suo debutto professionale in TV nella serie Baretta. Contrariamente a quanto spesso erroneamente affermato, non si era occupata di dipingere la porta del garage dell'attore Abe Vigoda, e non lo aveva mai incontrato in precedenza prima di ottenere la parte.[2] Dopo la laurea, un professore dell'UCLA la convinse a trasferirsi in California per frequentare i corsi della scuola di recitazione MFA.[1]

Joyce Ann DeWitt conobbe la vera popolarità recitando nel ruolo di "Janet Wood", la brunetta della sit-com Tre cuori in affitto dal 1977 al 1984, ruolo ottenuto dopo un provino sostenuto nel secondo episodio pilota della serie.[1]

Dopo la conclusione di Tre cuori in affitto nel 1984, la DeWitt apparve in un episodio di Detective per amore (sempre nel 1984), e poi smise di recitare per svariati anni. Ritornò alla recitazione nel giugno del 1991 partecipando allo spettacolo teatrale Noises Off alla Michigan's Cherry County Playhouse. Apparve in seguito nel film TV del 1995 Spring Fling!, e in The Pinky Protocol, un episodio datato 1997 della serie Pinky and the Brain, in una puntata di Cybill, e fece un cameo nel penultimo episodio di Living Single.[1] Altri suoi lavori degli anni 2000 includono gli show televisivi Hope Island, 18, The Nick at Nite Holiday Special, e Call of the Wild.

Alla fine del 2008, ha recitato nel film indipendente Failing Better Now.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d "Seven Questions with Joyce DeWitt of Three's Company; The 63rd Primetime Emmy Awards Nominations". Sitcoms Online. 14 luglio 2011
  2. ^ Chris Anderson, Opportunity knocks for Dewitt, The Star, 12 luglio 2009. URL consultato il 12 luglio 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 162786102

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie