Istruzione in Brasile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Istruzione in Brasile è gestita dal governo federale, dai governi dei vari stati, e dai vari comuni. Il tasso di alfabetizzazione in Brasile è del 90%. L'analfabetismo è più alto negli stati del nord-est, dove riguarda il 19,9% della popolazione. La costituzione brasiliana riserva all'istruzione il 25% del bilancio dello stato e il 18% dei proventi delle tasse federali e comunali.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Scuola Materna[modifica | modifica wikitesto]

La scuola materna è facoltativa e dedicata ai bambini dai 3 ai 5 anni, il suo scopo è lo sviluppo fisico, sociale, intellettuale e psicologico del bambino.

Istruzione elementare[modifica | modifica wikitesto]

L'istruzione elementare è obbligatoria per le persone di età compresa tra i 6 e i 14 anni. Dura nove anni. È suddiviso in un primo ciclo (dal primo al quinto anno) e un secondo ciclo (dal sesto al nono anno). Per legge l'anno scolastico deve essere costituito da 800 ore all'anno. Le materie insegnate sono lingua portoghese, matematica, storia, geografia, scienze, arte ed educazione fisica. Dal sesto anno si aggiungono inglese, spagnolo ed informatica.

Istruzione media[modifica | modifica wikitesto]

La scuola superiore dura tre anni ed è facoltativa. In tre anni devono essere fatti 2200 ore di lezione. La materie insegnate sono letteratura portoghese e brasiliana, lingua straniera (inglese, oppure spagnolo e francese), storia, geografia, matematica, fisica, chimica e biologia. Recentemente sono stati aggiunti filosofia e sociologia, dei quali erano vietati l'insegnamento durante il regime militare (1964 - 1985).