International Business Times

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
International Business Times
Logo di International Business Times
Abbreviazione IBT
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Lingua Inglese, Spagnolo, Tedesco, Italiano, Cinese, Giapponese, Coreano
Periodicità quotidiano
Genere in rete
Formato 24/7
Fondazione Aprile 2006
Sede 7 Hanover Square, Fl 5
Manhattan, New York, USA
Editore IBT Media[1]
Direttore Jeffrey Rothfeder
Redattore capo Etienne Uzac
Distribuzione
multimediale
Sito web it.ibtimes.com
Tablet PC si
Smartphone si
 

L'International Business Times è un quotidiano in rete con sede a New York[1] che veicola 10 edizioni nazionali in sette lingue. Il giornale, a volte chiamato IBTimes o IBT, offre notizie, opinioni e commenti editoriali sulle imprese e relative alle storie imprenditoriali.[2] È classificato da Alexa come il quarto sito più visitato tra i quotidiani economici.[3]

IBTimes è stato lanciato nel 2006 da Etienne Uzac e Johnathan Davis ed è di proprietà di IBT Media.[1] Ha sede in un ex ufficio di Newsweek nel distretto finanziario di New York.[4]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Crescita[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) About us in International Business Times, IBT Media. URL consultato il 6 agosto 2013.
  2. ^ (EN) Talking Business News, TalkingBizNews.com. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  3. ^ (EN) Alexa - Top Sites by Category: Business/News, Alexa.com. URL consultato il 10 ottobre 2011.
  4. ^ (EN) Braving bad juju International Business Times moves into Newsweek's old newsroom in The New York Observer. URL consultato il 9 ottobre 2011.

Nessi esterni[modifica | modifica sorgente]

giornalismo Portale Giornalismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di giornalismo