Hemiunu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Statua di Hemiunu. Hildesheim, Pelizaeus Museum[1]

Hemiunu (fl. ca 2570 a.C.; ... – ...) è stato un visir, architetto e sacerdote egizio durante la IV dinastia.

Gli viene tradizionalmente attribuita la progettazione della Piramide di Cheope,[2][3] presso il quale fu sovrintendente dei lavori del re.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Hm iwn w

Ḥm iwn(w) - Servitore del [dio] di Iunu (Eliopoli)

Hemiunu era figlio del principe Nefermaat e della sua consorte Itet[1], nonché nipote del faraone Snefru e parente di Cheope. Hemiunu ebbe anche tre sorelle e numerosi fratelli.
Dalle pareti della sua mastaba, localizzata a Giza sul fianco della piramide di Cheope, e da una statua[4] trovata nel suo serdab ci sono noti vari suoi titoli quali: Figlio del corpo del re (principe ereditario), Portatore dei sigilli del re del Basso Egitto, Capo della giustizia e Visir, Maggiore dei Cinque della Casa di Thot.
Come visir, succedette allo zio Kanefer ed al padre Nefermaat.[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Arnold, p. 107
  2. ^ De Camp, p. 35
  3. ^ Shaw, p. 89
  4. ^ Tiradritti, p. 13
  5. ^ Cambridge, p. 166

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Arnold, Dieter - The Encyclopaedia of Ancient Egyptian Architecture, I.B.Tauris 2002
  • The Cambridge Ancient History, Cambridge University Press 2000
  • De Camp, L. Sprague & De Camp, C. Crook - Ancient Ruins and Archaeology, Doubleday 1964
  • Shaw, Ian - The Oxford History of Ancient Egypt, Oxford University Press 2003
  • Strudwick, Niegel - Texts from the Pyramid, SBL 2005
  • Tiradritti, Francesco - Arte egizia, Giunti 2002

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]