Incidente di Taiwan del 28 febbraio 1947

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Giorno della memoria della pace)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Il monumento commemorativo dell'incidente, posto nei pressi dell'Ufficio presidenziale di Taipei

L'incidente di Taiwan del 28 febbraio 1947, anche noto come 228 Incident o Massacre (in caratteri cinesi tradizionali: 二二八事件; pinyin:èr èr bā shìjiàn; pe̍h-ōe-jī: Jī-jī-pat sū-kiāⁿ) è una sollevazione anti-governativa che ebbe inizio a Taiwan il 28 febbraio 1947 e che fu violentemente soppressa dal governo del Guomindang, causando la morte di molti civili. Questo incidente segnò l'inizio del Terrore bianco a Taiwan, durante il quale migliaia di taiwanesi scomparvero, furono uccisi o imprigionati.

Cause e conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Taiwan, dopo cinquanta anni di governo giapponese, nel 1945 era stata posta sotto il controllo amministrativo della Repubblica di Cina dalla United Nations Relief and Rehabilitation Administration (UNRRA). Due anni di amministrazione da parte del partito del Guomindang diedero l'impressione ai taiwanesi che questo partito fosse affetto da nepotismo, corruzione e che fosse la causa dei fallimenti economici: per tale motivo nacquero delle tensioni tra i taiwanesi e la Repubblica di Cina, che sfociarono in una aperta rivolta, causata dal contrasto tra una venditrice di sigarette e un ufficiale anti-contrabbando, che durò diversi giorni e che fu violentemente soppressa dalle forze armate della Repubblica di Cina.

Nell'anniversario dell'evento, nel 1995, il presidente Lee Teng-hui trattò l'argomento per la prima volta: da allora l'evento è apertamente commemorato e discusso, anche se i suoi dettagli sono ancora soggetti ad indagine. Il "Giorno della memoria della pace" (和平紀念日|s=和平纪念日, hépíng jìniànrì) è stato istituito per commemorare l'evento: in questo giorno il Presidente della Repubblica di Cina si riunisce con altri ufficiali per suonare una campana commemorativa in onore delle vittime, e, inchinandosi alle famiglie delle vittime, consegna loro un certificato attestante l'innocenza dei rivoltosi. Monumenti e parchi commemorativi in onore delle vittime dell'incidente sono stati istituiti in diverse città taiwanesi, tra cui Kaohsiung e Taipei.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]