Giorgio IV di Georgia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giorgio IV
Giorgio IV di Georgia in un affresco del monastero di Betania (Georgia)
Giorgio IV di Georgia in un affresco del monastero di Betania (Georgia)
Re dei re di Georgia
In carica 18 gennaio 1213 – 18 gennaio 1222/23
Incoronazione 1207, in qualità di co-regnante
Predecessore Tamara di Georgia
Successore Rusudan di Georgia
Nascita 1191
Morte 1223
Casa reale Bagration

Giorgio IV di Georgia, della dinastia Bagration (11911223), fu Re di Georgia dal 18 gennaio 1213 al 1222/23. Figlio della regina Tamara di Georgia, fu dichiarato co-regnante con sua madre nel 1207. Continuò la politica di rafforzamento dello stato feudale già iniziata dalla madre. Nel 1210 sedò le rivolte negli stati musulmani vassalli e dieci anni dopo iniziò la preparazione di un'operazione militare su larga scala contro Gerusalemme in favore dei crociati.

Tuttavia, l'arrivo dei mongoli presso i confini georgiani costrinse il sovrano a rimandare i piani per Gerusalemme. Fra il 1221 e il 1222 le armate mongole sconfissero due eserciti georgiani, prima di lasciare il Caucaso; i georgiani subirono gravi perdite ed anche Giorgio IV rimase gravemente ferito. Il sovrano georgiano morì l'anno seguente proprio a causa dei postumi di guerra, all'età di soli 31 anni.

Giorgio IV è anche noto per le sue larghe vedute su molti temi politici, tali da causargli l'inimicizia del clero e di parte della nobiltà, che rifiutarono di riconoscerne il matrimonio con una giovane donna non nobile e lo costrinsero al divorzio, sebbene poi il sovrano georgiano non si sia risposato.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]