Gennaro Calì

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gennaro Calì (Napoli, 17991877) è stato uno scultore e pittore italiano.

Sorrento, monumento a Torquato Tasso

Per l'altare maggiore della Chiesa del Gesù Nuovo a Napoli Calì realizzò due bassorilievi in bronzo: quello di destra la "Promessa dell'Eucaristia a Cafarnao" e quello al centro, riproduzione della "Cena di Leonardo da Vinci". In alto sopra l'altare si possono ammirare segni della simbologia cristiana e otto medaglioni a forma di conchiglia con busti di santi; Gennaro Calì scolpì quattro di questi: Santa Giuliana da Liegi, San Stanislao Kostka, San Francesco Borgia e San Gaetano Thiene.

Calì partecipò attivamente anche nella decorazione della Reggia di Caserta. Qui, nella Sala di Alessandro, nei sovrapporte dipinse con Tito Angelini degli stucchi con fatti della vita di Alessandro Magno.

Nello scalone d'onore di Palazzo Reale a Napoli si può trovare un'imponente statua dedicata alla Giustizia, accanto ad altre statue e rilievi di numerosi suoi colleghi campani dell'epoca.

La sua ricca carriera di lavori nel territorio napoletano comprende anche la statua di San Giovanni Crisostomo nella chiesa di San Francesco di Paola. Risale invece al 1866 il monumento a Pietro Colletta, posto nel giardino della Villa Comunale a Napoli.

Infine, una sua opera, un monumento allo scrittore Torquato Tasso, svetta nell'omonima piazza del comune campano di Sorrento.

Fu maestro di Stanislao Lista.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Napoli e dintorni, Touring club italiano, 2001, ISBN 8836519547, 9788836519545

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]