Genetics and the Origin of Species

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Genetics and the Origin of Species
Autore Theodosius Dobzhansky
1ª ed. originale 1937
Genere saggio
Lingua originale inglese

Genetics and the Origin of Species è un libro scritto nel 1937 dal genetista e biologo evoluzionista Theodosius Dobzhansky. Considerato come una delle opere più importanti nell'ambito della sintesi moderna, questo libro ha sintetizzato e divulgato le scoperte e i principi della genetica delle popolazioni in altre branche della biologia, quali l'ecologia, la morfologia e la sistematica, influenzando profondamente la comprensione delle basi genetiche dell'evoluzione.[1]

Nel complesso, infatti, Genetics and the Origin of Species dimostra l'importanza della variazione genetica, delle mutazioni e dei ri-arrangiamenti cromosomici nell'influenzare l'evoluzione. Il libro presenta inoltre l'idea che l'isolamento genetico sia un fattore fondamentale per la formazione di nuove specie e il loro mantenimento. Buona parte delle argomentazioni presentate nel libro sono basate sugli esperimenti condotti dallo stesso Dobzhansky su Drosophila pseudoobscura, durante i quali Dozhansky affiancò studi controllati in condizioni di laboratorio a studi sul campo delle popolazioni naturali.

Per quest'opera Dobzhansky ha ricevuto la Medaglia Daniel Giraud Elliot from the National Academy of Sciences americana nel 1941.[2] [collegamento interrotto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Futuyma, Douglas (2005). Evolution. Sunderland MA: Sinauer Associates, p. 9.
  2. ^ Daniel Giraud Elliot Medal - National Academy of Sciences. URL consultato il 21 August 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]