Gaude Mater Polonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gaude Mater Polonia (Gioisci Madre Polonia) è un inno polacco del medioevo. I cavalieri polacchi avevano l'usanza di cantarlo dopo una battaglia vittoriosa. Il testo latino dell'inno venne composto da Wincenty z Kielczy, monaco domenicano di Raciborz (Alta Slesia), in occasione della canonizzazione, nel 1253, del vescovo di Cracovia, Stanisław Szczepanowski (1030-1079). La musica è una melodia gregoriana su O salutaris Hostia, la cui notazione più antica figura sull'Antifonario di Kielce (1372). Nel XIX secolo, Teofil Klonowski (1805-1876) ne realizzò un'armonizzazione a quattro voci che fu allora considerato quale inno nazionale.

Testo[modifica | modifica wikitesto]

Gaude, mater Polonia,
prole fæcunda nobili.
Summi Regis magnalia
laude frequenta vigili.
Cuius benigna gratia
Stanislai Pontificis
passionis insignia
signis fulgent mirificis.
Hic certans pro iustitia,
Regis non cedit furiæ:
Stat pro plebis iniuria
Christi miles in acie.
Tyranni truculentiam,
Qui dum constanter arguit,
Martyrii victoriam
Membratim cæsus meruit.
Novum pandit miraculum
Splendor in sancto ceritus,
Redintegrat corpusculum
Sparsum cælestis medicus.
Sic Stanislaus pontifex
Transit ad caeli curiam,
Ut apud Deum opifex
Nobis imploret veniam.
Poscentes eius merita,
Salutis dona referunt:
Morte præventi subita
Ad vitae potum redeunt.
Cuius ad tactum anuli
Morbi fugantur turgidi:
Ad locum sancti tumuli
Multi curantur languidi.
Surdis auditus redditur,
Claudis gressus officum,
Mutorum lingua solvitur
Et fugatur daemonium.
Ergo, felix Cracovia,
Sacro dotata corpore
Deum, qui fecit omnia,
Benedic omni tempore.
Sit Trinitati gloria,
Laus, honor, iubilatio:
De Martyris victoria
Sit nobis exsultatio.
Amen
Amen