Gamburtsev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 80°30′S 76°00′E / 80.5°S 76°E-80.5; 76

Gamburtsev
Continente Antartide
Stati
Cima più elevata - (3.400 m s.l.m)
Lunghezza 1200 km

I monti Gamburtsev sono una catena montuosa sibglaciale del continente antartico, in uno dei luoghi più inaccessibili del pianeta, non lontano dal polo dell'inaccessibilità. Furono scoperte nel 1958 dalla terza spedizione sovietica nell'antartico e furono battezzate Gamburtsev in onore del geologo e sismologo Russo Grigoriy Aleksandrovich Gamburtsev. Si estendono per lunghezza è di circa 1200 km con cime che raggiungono i 3.400 m sul livello del mare. Anche le cime più elevate sono coperte da una coltre di ghiaccio di spessore non inferiore ai 600 metri. È stato possibile desumerne l'aspetto solo grazie ai satelliti Landsat con sensori che permettono di attraversare lo spesso strato ghiacciato.

Particolarità[modifica | modifica wikitesto]

Per i geologi i monti Gamburtsev sono un vero mistero: sono lontani da punti contatto tra le zolle tettoniche né sembrano essere state generate dall'attività vulcanica. Peraltro devono essere relativamente recenti altrimenti sarebbero state spianati dall'erosione dei ghiacci.